• Tempo di Lettura:2Minuti

La nota influencer ed imprenditrice Chiara Ferragni e il suo storico collaboratore Fabio Maria Damato hanno deciso di separare le loro strade professionali. La conferma è arrivata tramite un comunicato congiunto delle società di Ferragni, Fenice e TBS Crew. “A partire dal 16 giugno 2024, Fabio Maria Damato cesserà dalla funzione di direttore generale e consigliere di entrambe le aziende per perseguire altre opportunità professionali,” si legge nella nota. “Il cambiamento fa parte di un percorso di rinnovamento aziendale.”

Chi è Fabio Damato

Fabio Maria Damato, nato a Barletta e laureato in Economia aziendale alla Bocconi, era entrato nel gruppo Ferragni nel 2017. Da allora, aveva ricoperto ruoli chiave come general manager di The Blonde Salad e della Chiara Ferragni Collection. Damato era considerato il braccio destro dell’influencer, svolgendo un ruolo centrale non solo nella gestione economica delle aziende, ma anche nelle scelte stilistiche della Ferragni, come evidenziato nel documentario “Chiara Ferragni Unposted”, dove figura tra i produttori esecutivi.

Le conseguenze del caso Balocco e l’entrata in società della mamma di Chiara Ferragni

La rottura tra Damato e Ferragni sarebbe maturata a seguito del controverso caso Balocco e di altre iniziative benefiche che avrebbero incrinato il loro rapporto professionale. Inoltre, l’uscita di Damato segue un significativo cambio gestionale all’interno del gruppo: la nomina di Marina Di Guardo, madre di Chiara, a direttore generale della Sisterhood, ruolo precedentemente ricoperto dallo stesso Damato.

Segui Per Sempre News anche sui social!