Da oggi slitta la lancetta di un’ora al coprifuoco. Da stasera passa infatti a mezzanotte. Intanto l’Italia continua a “sbiancare“: altre quattro regioni si aggiungono infatti alla parte bianca dell’Italia. Dopo Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, riaprono anche le neopromosse Abruzzo, Umbria, Liguria Veneto mentre nel resto dei territori, in zona gialla.

Il ballo

Dopo la questione coprifuoco una domanda imperversa soprattutto tra i giovani. Quando si balla? E’ infatti previsto martedì prossimo un incontro sulle discoteche. I locali potrebbero ripartire a luglio, ma è quasi certo che sarà necessario avere il green pass soprattutto alla luce dello sprint sulla campagna vaccinale per i giovani. L’ultimo dossier ancora sul tavolo di tecnici e politici è quello della riapertura delle discoteche. Anche se non si sa ancora con certezza come e quando, le sale da ballo dovrebbero ripartire il prossimo mese. Ma già martedì prossimo in serata al ministero della Salute è previsto un incontro con i gestori dei locali sul tema, i cui risultati – come da protocollo – potrebbero essere riportati al ministro della Salute, Roberto Speranza, affinché possa infine valutare i tempi e i metodi più adeguati.

I numeri

Nelle ultime 24 ore ci sono stati solo venti ingressi in terapia intesiva, che hanno riguardato in tutto dieci regioni. Valle d’Aosta, Molise e Basilicata non hanno più pazienti ricoverati in rianimazione e la media nazionale del 9% di occupazione di terapie intensive e reparti di medicina sta scendendo quindi drasticamente. Secondo i dati dell’ultimo bollettino, si aggiungono purtroppo altri 51 morti per il virus. I nuovi contagi sono stati 2.275 e il tasso di positività è dell’1,5%. In tutta Itaia i malati di Covid sono al momento 192mila.
   
   

Seguici anche su http://www.persemprecalcio.it