Milioni di persone in Italia e nel mondo si sono sottoposti al vaccino anti Covid 19. La domanda più frequente che ci si pone a questo punto è: quanto dura l’efficacia dei vaccini? Per il momento è partita la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid 19 anche per fragili e over 60 con Pfizer e Moderna. Il “booster” dovrà essere iniettato almeno sei mesi dopo il completamento del ciclo primario di vaccinazione. Ecco, secondo gli ultimi studi, quanto dura l’efficacia dei vaccini disponibili in Italia. Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson si dicono favorevoli alla terza dose: se dopo 6 mesi la protezione per le forme gravi della malattia risulta pressoché invariata, successivamente la terza dose potrebbe garantire una maggiore protezione anche dalle forme lievi della malattia.

Pfizer

Vaccino Pfizer: un nuovo studio del Kaiser Permanente Southern California (Kpsc) health system e Pfizer, pubblicato sulla rivista The Lancet, conferma che due dosi del vaccino anti-Covid dell’azienda americana sono efficaci al 90% contro i ricoveri per Covid-19 per tutte le varianti, inclusa la Delta, per almeno sei mesi. Questi risultati, si legge nello studio, sono coerenti con i rapporti preliminari dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) e del ministero della Salute israeliano, che hanno riscontrato riduzioni di efficacia del vaccino BNT162b2 contro l’infezione dopo circa sei mesi. Secondo un rapporto dell’azienda americana inviato alla Fda, l’immunità alle forme leggere o moderate di Covid scende notevolmente tra i 6 e gli 8 mesi dopo la seconda dose di Pfizer. Anche senza il booster la protezione del suo vaccino rimane però forte nei confronti dei rischi di malattia grave.

Moderna

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Science dal gruppo dell’istituto americano Niaid (National institute of allergy and infectious diseases) guidato da Amarendra Pegu, a sei mesi dalla seconda dose il vaccino anti-Covid dell’azienda americana continua a proteggere da almeno 6 varianti, compresa la Delta. È di almeno 6 mesi la protezione del vaccino a un dosaggio più basso (un quarto) di quello standard. Lo studio, però, non dimostra che un dosaggio più basso del vaccino di Moderna offra la stessa protezione di quello standard. Lo spiegano sulla rivista Science i ricercatori del La Jolla Institute for Immunology.

AstraZeneca

Il ciclo completo del vaccino rispetto alla variante Delta garantisce un’efficacia del 67% (era del 74,5% contro la variante alfa). Sono i risultati della sorveglianza condotta in Inghilterra su un ampio campione di popolazione, resi noti dalla Fnomceo (gli ordini dei medici). Una singola dose di questo farmaco serve a poco, con un’efficacia di poco superiore al 30%. Un fattore importante, comunque, è anche l’età.

Johnson & Johnson

Il richiamo a sei mesi per il vaccino contro il Covid di Johnson & Johnson aumenta di 12 volte il livello di anticorpi. Dopo 2 mesi, invece, il livello di anticorpi ha un incremento di 4 volte e la protezione arriva al 94%. Lo fa sapere la stessa azienda farmaceutica, che ha illustrato i nuovi dati sul vaccino in base a uno studio condotto negli Stati Uniti su 390mila persone che hanno ricevuto il vaccino di Johnson&Johnson e circa 1,52 milioni di persone non vaccinate da marzo a fine luglio 2021. Il vaccino a dose singola di Johnson & Johnson, ricorda l’azienda, ha dimostrato un’efficacia del 79% per le infezioni e dell’81% per i ricoveri legati al Covid.

Seguici anche su http://www.persemprecalcio.it