• Tempo di Lettura:2Minuti

“Dal Sottosuolo” di Teo gfo è il luogo da cui è iniziato il viaggio verso la Città del Sole. Evidenzia un cunicolo oscuro della mente dove tutto perde di senso, un luogo privo di vita, che una volta superato sa mostrarti la via.

Dopo l’uscita della ballad “Lacrime” il mese scorso, che risuonava con note di fisarmonica, “Dal Sottosuolo” è il settimo singolo del cantautore Teo gfo disponibile dal 17 giugno sulle principali piattaforme di streaming.

Teo gfo e le sonorità latino-americane

In questo brano emergono le influenze rock di Teo gfo, influenze rock che vanno a mescolarsi a trombe e fraseggi latino americani eseguiti dalla chitarra elettrica.

Il tutto è sostenuto da un ritmo intenso e da ripetuti bridge che mantengono viva l’energia, invitando l’ascoltatore a prendere parte alla canzone e a questo viaggio.

Quindi sonorità nuove per questo artista che ha intrapreso da tempo una sorta di viaggio nei diversi generi musicali di cui si fa interprete con ogni sua canzone.

Teo gfo riguardo “Dal Sottosuolo”

È il primo brano di questo concept album ed è il punto di partenza del lungo percorso intrapreso alla ricerca della Luce e della propria rinascita. Ricordo di questo periodo davvero buio dove mi era passato il gusto per tutto… Proprio per tutto. Questo brano è forse quello più personale dell’album. So’ che molti di noi hanno conosciuto il sottosuolo ed alcuni ancora ne sono attratti o prigionieri… Spero questo brano possa offrire qualche raggio di sole a chi si trova in questo luogo freddo, cosi da non farli sentire soli. In quei momenti parlare, condividere e non rimanere soli è parte della salvezza… Chi ha conosciuto il sottosuolo lo sa

Un viaggio partendo “Dal Sottosuolo”

Il tema del viaggio è fondamentale per questo artista. Dal sottosuolo è tratta dall’album La Città del Sole, album con il quale l’artista, dopo una grande delusione, intraprende un viaggio partendo appunto Dal Sottosuolo. Un viaggio per ritrovare sé stesso, la Luce e, successivamente, innalzare un luogo di rinascita per chiunque ne abbia bisogno. Hanno preso parte a questa tratta del viaggio Marco Taurisano con l’arrangiamento, Edoardo Impedovo con la sua tromba e Carmelo Avanzato con il master. Giuseppe Loller si è occupato della copertina del singolo.

Link dello streaming:
https://www.youtube.com/watch?v=j9c7gGWQuRw

Dello stesso artista abbiamo pubblicato pure “Gente che corre”(link) e “Il colore mancante”(link)