• Tempo di Lettura:2Minuti

Giovedì scorso, Dani Alves ha ricevuto una sentenza di 4 anni e 6 mesi di carcere a causa delle accuse di violenza sessuale mosse da una donna di 23 anni in merito a un incidente avvenuto in un nightclub di Barcellona nel dicembre del 2022.

Nelle scorse ore, il club più legato alla sua carriera, il Barcellona, ha preso un provvedimento piuttosto severo. L’organizzazione catalana ha ufficialmente revocato lo status di leggenda del club a Dani Alves, a causa della situazione in cui versa il quarantenne.

Dani Alves, la sentenza che ha convinto il Barcellona a “cancellarlo” dalla sua storia

Questo il testo della sentenza: “Il tribunale della sezione 21 del Tribunale provinciale di Barcellona condanna l’atleta Daniel Alves a 4 anni e sei mesi di reclusione per stupro, alla libertà vigilata per un periodo di 5 anni, che verrà applicata una volta scontata la pena detentiva; al divieto di avvicinarsi all’abitazione o al luogo di lavoro della vittima entro un raggio di 1.000 metri e di comunicare con lei con qualsiasi mezzo per un periodo di 9 anni e 6 mesi; parimenti , è condannato alla pena dell’interdizione speciale per l’esercizio di un impiego, di un pubblico ufficio, di una professione o di un mestiere riferiti ai minorenni per la durata di 5 anni, da applicarsi anche una volta scontata la pena detentiva; a un risarcimento di 150.000 euro per moralità danni e lesioni; alla sanzione di 2 mesi di multa con indennità giornaliera di 150 euro, con sussidiaria responsabilità personale in caso di mancato pagamento dell’articolo 53 cp per un reato minore di lesioni; e al pagamento delle spese procedurali”.

Seguici anche su Per Sempre Calcio!