Milano, Lombardia – Da una nuovissima indagine di Business Insider Italia nascono preoccupanti retroscena sui vaccini in Lombardia. Sotto scacco Attilio Fontana, Letizia Moratti e Guido Bertolaso. Lo racconta la testata ramificata in tutto il mondo.

Ti consigliamo questo – Sindacato Infermieri: “Benvenuto Figliuolo, Arcuri alle spalle”

I fatti

A galla un documento che attestava qualcosa di estremamente controverso rispetto alla serenità che trasmetteva il Presidente della Regione Lombardia. Si tratterebbe di una nota che faceva trasparire una sola realtà: quando il 68enne di Varese chiedeva a gran voce di riaprire gli impianti sciistici, era ben consapevole della critica questione legata ai vaccini.

Già da inizio febbraio, scrive Andrea Sparaciari, gli alti vertici erano a conoscenza della grave situazione sul piano vaccinale. Nonostante tutto, però, si è continuato sulla falsa riga dell’inconsapevolezza. Dal documento di Business Insider si evince di come il Cts lombardo chiedesse ripetutamente a quello nazionale di “poter inoculare una sola dose e spostare il piano vaccinazioni per i guariti da COVID-19 di almeno 6 mesi”. Affermazioni che preoccupano.

La Lombardia e il consulente scientifico straordinario Guido Bertolaso con essa, hanno più volte provato a spostare l’attenzione su cose meno importanti. Come gli impianti, appunto. Mentre più di 10 milioni di abitanti erano in attesa della loro dose, le argomentazioni sulla questione erano blande e poco chiare.

Nonostante la situazione critica nella Regione, Fontana asseriva che la “zona gialla è una vittoria”, accantonando de facto la realtà. Nel frattempo si cercava sempre di pressare Cts nazionale e ISS per permettere vaccinazioni sulla falsa riga della Gran Bretagna e di Israele, e cercare di capire se gli stessi vaccini, dichiaratamente scarsi, potessero essere acquistati privatamente.

Ti consigliamo questo – Rockefeller Junior si riprende l’arazzo di Guernica dal Palazzo di Vetro

Ultima spiaggia

La recente decisione di impostare la Lombardia come zona rossa ha però vanificato i piani dei protagonisti della storia. Bertolaso chiedeva riaperture repentine e “misure di alleggerimento”, mentre i dati relativi ai contagi, forti della nuova variante, continuavano a crescere.

Una questione che fa cadere la fiducia verso le istituzione che Moratti, Fontana e Bertolaso rappresentano in questo momento. Così, alla fine, dopo un tira e molla durato per settimane, la Lombardia passa ad una sola dose…non solo per chi è già passato per il coronavirus, ma per tutti.

Per questioni di copyright, il documento è visibile solo sul sito web ufficiale di Business Insider Italia. Allego qui l’articolo di Andrea Sparaciari.

FONTE: Business Insider Italia

Ti consigliamo questo – Giornalisti arrestati in Bielorussia, cosa succede e perché

Segui anche PerSempreCalcio.it