• Tempo di Lettura:2Minuti

Il pm della Procura di Milano, Michela Bombardieri, sta indagando sulla rissa avvenuta la notte tra 20 e il 21 aprile che ha coinvolto il noto rapper Fedez, al secolo Federico Lucia, e il personal trainer Cristiano Iovino. Il cantante dopo la separazione dalla moglie Chiara Ferragni è sempre al centro del gossip, ma questa volta il suo nome è finito nel registro degli indagati con l’accusa di rissa, lesioni e percosse. Quella notte Fedez si trovava al The Club, famoso locale del capoluogo lombardo, in compagnia di una ragazza, Ludovica di Gresy e di alcuni ultrà del Milan. La rissa, probabilmente, ha avuto luogo in seguito ad alcuni apprezzamenti fatti da Iovine alla giovane accompagnatrice del rapper milanese.

Dopo la rissa al The Club, Cristiano Iovino, famoso anche per il suo coinvolgimento anche nella separazione tra Francesco Totti e Ilary Blasi, è stato picchiato sotto la sua abitazione. Dalle carte del fascicolo si apprende che il personal trainer romano ha sporto denuncia solo nei confronti di Fedez.
Come riportato da Tgcom24, il rapper è stato riconosciuto dal portinaio e dalla guardia giurata dello stabile di Via Traiano, dove risiede di Iovino, i quali hanno dichiarato: “Era insieme a 8-9 persone (Fedez ndr), compresa una ragazza bionda. Il pestaggio è stato ripreso in parte dalle telecamere. Le immagini mostrano il rapper scendere dal van nero fermo in mezzo all’incrocio con via Petitti. Sembra che Fedez tenti di colpire senza successo il personal trainer con due pugni, prima che su quest’ultimo si scaglino altre due persone. Secondo quanto sarebbe stato messo a verbale, il portinaio e il vigilante avrebbero dichiarato di essere stati avvicinati in maniera minacciosa da alcune persone che si trovavano in compagnia di Fedez durante il pestaggio. “Fatevi i ca… vostri, non chiamate nessuno”. L’avvocato di Fedez, Gabriele Minniti, come riportato da Tgcom24, ha dichiarato: “Abbiamo appreso la notizia questa mattina dai giornali. Attendiamo il lavoro degli inquirenti”.