• Tempo di Lettura:2Minuti

Jane Goodall ha rilasciato una significativa intervista per RaiNews. La scienziata etologa e antropologa britannica è conosciuta per aver studiato e salvato gli scimpanzé. Ad oggi, da poco 90enne, salva la terra, “Perché tutto è interconnesso e ognuno di noi può lottare per un mondo in cui le comunità umane, gli animali e l’ambiente sono in equilibrio”. Un icona mondiale a cui hanno dedicato anche una barbie viaggerà intorno al globo per festeggiare i suoi novantanni compiuti il 3 aprile.

La sua missione è difendere la terra, “Siamo parte del mondo naturale che ci fornisce acqua, cibo e aria pulita. Credo ci sia una sconnessione tra l’intelligenza della mente e l’amore e la compassione del cuore. Raggiungiamo il nostro vero potenziale solo quando testa e cuore lavorano in armonia”.

La tecnologia seconda Goodall

La scienziata appassionata della connessione tra uomo e pianeta, alla domanda se la tecnologia è alleata di questa connessione risponde, “C’è tecnologia e tecnologia può essere molto utile, pensiamo alla tecnologia gps per seguire l’itinerario degli scimpanzè, i droni per la deforestazione, le camere trappola per studiare i comportamenti degli animali, ma nello stesso tempo la tecnologia può creare un muro tra la natura e la gente che vive nelle grandi città. Gli studi confermano che noi abbiamo bisogno di vivere nella natura, i bambini hanno bisogno di vivere immersi nella natura e invece trascorrono troppo tempo sui social media.  L’intelligenza artificiale è qualcosa di incredibile, rivoluzionaria ma mi chiedo: cosa accadrà ai nostri cervelli?”

”I giovani possono fare la differenza”

Jane invoglia le nuove generazioni a comprendere il loro potenziale attraverso un progetto fondato nel 1991 per incitare i giovani a salvare il pianeta , “E’ fondamentale raggiungere e coinvolgere le nuove e nuovissime generazioni. Molti giovani oggi hanno perso la speranza, vedono quello che accade nel mondo e pensano che non valga la pena agire. A causa di questa apatia ho avviato i progetti del Roots & Shoots. Quando i bambini e i giovani capiscono che possono fare la differenza allora ci sarà un vero cambiamento”. 

Consiglio alle bambine

“Il più importante consiglio che si può dare ad una bambina è insegnare loro che si può avere un impatto sul pianeta. Ogni giorno dobbiamo rispettare la natura e gli animali come ogni altra creatura sulla Terra”.