• Tempo di Lettura:1Minuto

La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta per istigazione al suicidio in seguito alla morte di un cittadino guineano che si è tolto la vita sabato scorso all’interno del Centro per i Rimpatri di Ponte Galeria.
Il caso è coordinato dal sostituto procuratore Attilio Pisani, che avrà il compito di eseguire l’autopsia sul corpo del 22enne.

In base alle informazioni raccolte, il giovane, che era arrivato al centro dalla Sicilia solo pochi giorni fa, si è impiccato con un lenzuolo. Gli investigatori otterranno i filmati di sorveglianza dell’interno del centro e il messaggio lasciato dal giovane prima di suicidarsi.

Al momento sono stati effettuati quattordici arresti per i disordini che si sono verificati ieri presso il centro di detenzione di Ponte Galeria a Roma.
Dopo la scoperta del suicidio infatti è scoppiata una vera e propria protesta in chi sono state lanciate pietre contro il personale e i partecipanti hanno tentato di incendiare un’auto. Due ufficiali dei carabinieri e un militare sono rimasti feriti durante i disordini.