• Tempo di Lettura:3Minuti

Il Napoli vince 2-1 contro la Juventus e rivede la zona Champions League. Al termine della gara del Maradona, Massimiliano Allegri ha commentato la sconfitta subita dai suoi: ecco le sue parole ai microfoni di DAZN.

Le parole di Allegri su Napoli-Juventus

“Stasera i ragazzi hanno fatto veramente una bella partita, anche nel primo tempo abbiamo avuto delle occasioni buone, non siamo riusciti a sfruttarle. E’ normale che sono tutti passaggi di crescita che i ragazzi devono fare, nel trovare maggiore equilibrio, nell’andare fuori ritmo, soprattutto quando giochiamo le partite importanti. Però devo dire che la squadra ha fatto bene, siamo momentaneamente ancora secondi in classifica, abbiamo ancora 11 partite da giocare per raggiungere il nostro obiettivo”.

Allegri su Miretti e Alcaraz titolari

“Avendo fuori Mckennie e Rabiot, sia Miretti, che comunque ha più di 60 partite nella Juventus, sia Alcarez che era la prima volta che giocava, hanno fatto veramente una buona partita. Ma indipendentemente da questo, stasera è stato bello vedere la squadra che si è aiutata, difensivamente, abbiamo rischiato su delle mischie, loro occasioni nitide davanti a Szczesny credo non ne abbiano avute. Con dei tiri da fuori, sì, ma noi abbiamo avuto delle occasioni non sfruttate al meglio quando ci siamo intestarditi andando velocemente troppo centralmente, invece quando siamo andati centralmente e abbiamo allargato subito il gioco abbiamo creato delle situazioni favorevoli. Ne potevamo creare di più. Dispiace perchè veniamo via sconfitti, soprattutto ora abbiamo un calendario importante che ci deve consentire di arrivare alla quota Champions”.

Allegri e l’episodio del rigore

“Bisogna migliorare su tante cose, è normale che l’esperienza di giocare le partite farà sì che in quel momento difenderemo un po’ meglio, che nel rigore saremo un pochino più svegli, però vediamo anche il lato positivo: stasera ha giocato non so se la Juventus più giovane, forse nella storia della Juve. Non lo so, però 6 giocatori in campo del 2005, tra il 2005 e il 2003, quindi vuol dire che la Juventus sta lavorando bene, ha lavorato bene, l’importante è raggiungere l’obiettivo che ci consentirebbe l’anno prossimo di partire con dei giocatori che hanno già fatto un’esperienza importante in questo campionato e li troveremo sicuramente cresciuti”.

Poi continua:

“Sono dispiaciuto e arrabbiato perchè loro hanno preso la rincorsa, ci sono saltati addosso e sicuramente in queste situazioni bisogna fare meglio. Poi Szczesny ha parato un rigore tirato male, se lo avesse tirato bene la palla andava in calcio d’angolo, purtroppo in questo momento è così, ma sicuramente sono passaggi di crescita. Ora abbiamo una partita importante  con l’Atalanta, è uno scontro diretto, quindi dobbiamo fare punti”.

Si può parlare di una crisi della Juventus dopo la sconfitta contro l’Inter?

“Questo il calcio, ci sono dei momenti in cui le cose vanno bene e dei momenti in cui tirano, deviano e la palla finisce in gol. Abbiamo subito un gol a Verona, che credo sia il più bello del campionato. Noi dobbiamo lavorare su quelle prestazioni, indipendentemente dal risultato e continuare così, i ragazzi non si devono assolutamente abbattere, al momento abbiamo fatto 57 punti, se non sbaglio, su quello che era il nostro obiettivo ci siamo dentro e bisogna rimanerci”.