• Tempo di Lettura:1Minuto

Nello spogliatoio alla domenica sera e a Castel Volturno stamattina, Victor Osimhen si è scusato con il tecnico e i compagni per il suo sfogo in campo a Bologna, quando nel finale è sbottato contro Rudi Garcia non accettando la sostituzione e “spiegando” al suo allenatore che avrebbe dovuto lasciarlo in campo schierando la seconda punta centrale, Giovanni Simeone. Dunque da un punto di vista formale il caso appare rientrato e dalla società trapela la volontà di non multare il giocatore.

Ma al di là della formalità ritrovata, ora bisogna capire come Osimhen, ma anche Kvaratskhelia e altri giocatori, reagiranno a questa situazione di oggettiva difficoltà: due punti nelle ultime tre gare di campionato e una vittoria importante ma stiracchiata a Braga contro la squadra meno forte del girone di Champions. Il Napoli deve ritrovare i propri meccanismi di gioco, o applicarne dei nuovi ma che ancora non si intravedono e la squadra fatica in ogni fase, anche se per la prima volta in questa stagione ha finito una trasferta con la porta di Meret inviolata.