Il testo del Decreto

No al Green pass? Oggi in Italia può diventare un problema. Il decreto legge per l’obbligo del Green pass sui luoghi di lavoro, approvato la scorsa settimana in Consiglio dei ministri, è stato infatti pubblicato in Gazzetta ufficiale ed è in vigore. L’obbligo di esibire il certificato verde nei luoghi di lavoro pubblici e privati si applicherà dal 15 ottobre. Il testo prevede che il lavoratore pubblico o privato che sia privo di Green pass è considerato “assente ingiustificato fino alla presentazione della predetta certificazione. E, comunque, non oltre il 31 dicembre 2021, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro”. Rispetto alle bozze viene eliminata ogni differenza di trattamento tra dipendenti pubblici e privati e non scatta più la sospensione, ma per tutti dal primo giorno di assenza “non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento”.

Teatri e cinema

Per cinema, teatri e palazzetti come funzionerà? Intanto la capienza potrebbe aumentare al 75-80% fra fine settembre e inizio ottobre. Ancora non risulta una convocazione ma la settimana prossima potrebbe essere un punto di riflessione. Saranno infatti disponibili infatti i primi dati significativi sulla curva dei contagi nella popolazione scolastica a due settimane dal ritorno in classe.

Discoteche sì o discoteche no?

News per i giovani: e le discoteche? “Nella valutazione a fine mese potranno essere incluse anche le discoteche cui daremo una risposta: importante è creare condizioni per riaprirle e si può anche iniziare – sostiene il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa – con una capienza del 75% col Green pass”. E magari anche con le mascherine, almeno al chiuso: “È un’altra indicazione che ci darà il Cts, la scienza – ha aggiunto il sottosegretario alla Salute -. Il vaccino non esclude la possibilità del contagio, quindi ad oggi credo che il tema di togliere le mascherine al chiuso sia un tema da rimandare”. Ora si attende la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del testo definitivo del decreto sull’estensione del Green pass, anche per verificare alcune limature annunciate come i probabili aggiustamenti per i lavoratori della sicurezza e la possibilità, per le imprese con meno di 15 dipendenti, di sostituire i lavoratori sospesi -perchè non in possesso della certificazione verde – per un totale di 20 giorni in due tranche da 10, fino al 31 dicembre.

Seguici anche su http://www.persemprecalcio.it