• Tempo di Lettura:2Minuti

La Corte d’Assise d’appello di Milano ha accettato la richiesta di svolgere l’ udienza a porte chiuse riguardo alle immagini dell’autopsia e del ritrovamento del corpo di Giulia Tramontano, vittima di un efferato omicidio da parte del suo compagno Alessandro Impagnatiello. Le parti civili hanno richiesto di non fa restare nessuno in aula, se non l’imputato, motivandola con la necessità di preservare la dignità della vittima e rispettare la sensibilità dei presenti in aula.

Il difensore della famiglia della 29enne, Giovanni Cacciapuoti, ha giustificato la richiesta di porte chiuse sottolineando che le immagini in questione sono fondamentali per l’istruttoria ma potrebbero risultare troppo cruente o disturbanti per essere mostrate pubblicamente. Tuttavia, i giornalisti e il pubblico avranno accesso all’aula solo per le conclusioni orali dei medici legali che hanno eseguito l’accertamento sul corpo della giovane donna.

L’omicidio di Giulia Tramontano

Il processo vede Alessandro Impagnatiello rischiare la condanna all’ergastolo per l’omicidio di Giulia Tramontano, avvenuto a Senago il 27 maggio. Giulia Tramontano è stata brutalmente uccisa da lui con 37 coltellate.

La famiglia di Giulia chiede giustizia

Nel frattempo, la famiglia della vittima continua a chiedere giustizia per Giulia e per il suo bambino Thiago, che la donna portava in grembo al momento dell’omicidio. Il padre di Giulia, Franco Tramontano, ha espresso il desiderio che la giustizia sia fatta per sua figlia e per il nipotino non ancora nato. Anche la madre della vittima, Loredana Femiano, la sorella Chiara e il fratello Mario hanno manifestato il loro dolore e la loro determinazione a ottenere giustizia per Giulia.

Nella giornata dell’udienza, le parti hanno annunciato che ascolteranno dichiarazioni determinanti per verificare il riscontro rispetto alla somministrazione del veleno. La famiglia della vittima ha scelto di non essere presente in aula, considerando la possibilità che vengano mostrate delle slide ritenute inopportune e dolorose per i loro sentimenti.

Segui Per Sempre News anche sui social!