• Tempo di Lettura:3Minuti

Oggi veneriamo San Benedetto da Norcia. l’Abate e patrono d’Europa è nato a norcia nel 480, è morto a Montecassino-Frosinone il 21 marzo del 547. La commemorazione è ricordata dalla Chiesa l’11 luglio.

Padre del monachismo d’Occidente, restauratore dello spirito cristiano dei suoi tempi,a Roma per addottorarsi nelle discipline liberali, poi prese dimora a Subiaco dove rimase per tre anni nascosto e condusse vita penitente e angelica. Fece costruire ben dodici monasteri. A Montecassino abbattuta la statua di Apollo fondò il celebre monastero da cui partirono i primi apostoli benedettini.

Creò la nota regola con la quale si organizzava nei minimi particolari la vita dei monaci all’interno di una “corale”, la filosofia dava sistemazione alla complessa precettistica monastica precedente. I concetti principali erano due: stabilitas loci (l’obbligo di risiedere per tutta la vita nello stesso monastero) e la conversatio(la buona condotta morale, la pietà reciproca e l’obbedienza all’abate), il “padre amoroso” ( mai chiamato superiore, cardine di una famiglia ben ordinata che scandisce il tempo nelle varie occupazioni della giornata durante la quale la preghiera e il lavoro si alternano nel segno del motto ora et labora (“prega e lavora”).

Oggi veneriamo San Benedetto da Norcia

S. Benedetto fu dotato da Dio del dono della profezia, predisse le gesta e il tempo della morte a Totila, re del Goti. Scisse D. Guéranger: “E’ il padre dell’Europa perché egli per mezzo dei suoi figli numerosi come le stelle del cielo e l’arena del mare, ha rialzato gli avanzi della società romana, schiacciata sotto l’invasione dei barbari, ha presieduto allo stabilimento del diritto pubblico e privato delle nazioni, ha portato il Vangelo e la civiltà nell’Inghilterra, nella Germania, tra i popoli del Nord e perfino tra gli Slavi, ha distrutto la schiavitù, insegnata l’agricoltura e salvato infine il deposito delle lettere e delle arti dal naufragio che sembrava inghiottirle senza speranza di salvezza”.

E’ stato uno dei quattro grandi patriarchi d’Occidente e le sue regole sono tutt’ora adottate e seguite da molte famiglie religiose. L’ordine religioso fondato da S. Benedetto si estese in tutto il mondo, diede un numero grandissimo di santi, papi, vescovi e personaggi illustri.

Le comunità benedettine lo ricordano il 21 marzo, la Chiesa cattolica invece lo celebra l’11 luglio, da quando Papa Paolo VI il 24 ottobre 1964 con il breve Pacis nuntius proclamò san Benedetto da Norcia patrono d’Europa in onore della consacrazione della Basilica di Montecassino. In pratica: Da questo Santo impariamo la prontezza e l’estrema decisione nello scacciare le tentazioni.

Preghiera:

Signore, ci renda accetti l’intercessione del San Benedetto, affinché quello che non possiamo con i nostri meriti, lo conseguiamo per il suo patrocinio.

Martirologio Romano:

A Montecassino il natale di san Benedétto Abate, il quale restaurò e meravigliosamente propagò nell’Occidente la disciplina monastica, che era quasi estinta. La sua vita, gloriosa per virtù e per miracoli, fu scritta dal beato Gregório Papa.

Seguiteci su https://www.facebook.com/persemprenews, https://twitter.com/home