• Tempo di Lettura:2Minuti

Oggi veneriamo San Siro di Pavia. Il Vescovo è nato nel IX secolo in Palestina, è morto nel IX secolo a Pavia. La commemorazione è ricordata dalla Chiesa il 9 dicembre.

Era stato innalzato a ministro del Signore dai discepoli degli Apostoli. Il santo giovane si recò in Italia evangelizzando ovunque, si fermò a Pavia dove fu il primo vescovo. A Pavia il Signore gli diede un campo da coltivare, lo coltivò con lo zelo e l’amore di cui era infiammato. Iniziò l’apostolato con l’intimare a tutti di credere a Gesù Cristo per ottenere la salute. La sua parola, corroborata dalla forza della grazia, trovò accesso nei cuori di tutti. Passava le notti pregando e il giorno a istruire, consolare, soccorrere miserie, perdonò le ingiurie. Atterrò gli idoli, dissipò le superstizioni, proscrisse i baccanali, operò molti prodigi. Il suo nome divenne grande a Pavia, Verona e Venezia, A Milano udirono la sua voce e videro i prodigi che Dio operava per lui. Per dodici lustri profuse zelo per il suo popolo, si spense nonagenario facendo piegare alla croce migliaia d’infedeli.

Massima:

Beata l’anima che ascolta il Signore che le parla, e dalle sue labbra riceve la parola di conforto! Imitazione di Gesù Cristo.

Pratica:

Siate avido in questo mese d’ascoltare la parola di Dio, e pregate S. Siro, vostro protettore, a farla fruttificare nel vostro cuore. Della parola tua fa, Dio, che tutto lo serbi in mente, e ne riporti il frutto.

Seguiteci su https://www.facebook.com/persemprenews, https://twitter.com/home