• Tempo di Lettura:2Minuti

“E poi c’è Draghi. Che non è poco, fidatevi”. Euforica affermazione del leader di Italia Viva Matteo Renzi per il nuovo Governo capitanato da Mario Draghi. “Con il passaggio della campanella tra Conte e Draghi – commenta infatti – si chiude una lunga crisi di Governo.  Il Governo Draghi ci consegna l’immagine di un’Italia che torna protagonista in tutti i tavoli internazionali. È tornata la fiducia innanzitutto sui mercati ma presto tornerà anche tra le piccole e medie imprese”.

Italia Viva

Cosa fare: “È fondamentale – commenta Renzi – non disperdere questo patrimonio, in larga misura merito personale del nuovo Presidente del Consiglio – e agire da subito”. Italia Viva quindi al fianco del Governo Draghi: “Noi ci siamo. Italia Viva ha aperto questa crisi per superare un immobilismo che era diventato pericoloso. Il gesto di coraggio che abbiamo compiuto è stato causa di tanti attacchi. E a chi dice che così facendo Italia Viva conta meno perché ha meno ministri, io rispondo che è vero. La verità è che Italia Viva conta meno di prima ma l’Italia conta di più di prima.
Abbiamo fatto una cosa difficilissima ma giusta per aiutare l’Italia a spendere bene i soldi che verranno, ad affrontare meglio le conseguenze della pandemia – spiega ancora Renzi – a rilanciare sul futuro. Adesso il volante della macchina Italia è nelle salde mani di Mario Draghi”.

La ripartenza


“Buon lavoro a tutte e tutti i ministri. Ho ricevuto diverse email di persone critiche su taluni ministri. Capisco le obiezioni su alcune scelte. Devo però anche dire, in totale sincerità – conclude il leader di Italia Viva – che i nuovi ingressi che conosco personalmente sono davvero straordinari. Poi naturalmente ci saranno critiche come è ovvio e come è giusto. Ma questo Governo ha tutto per far bene. E sono certo che la squadra di ministri politici troverà il modo per collaborare anche provenendo da storie radicalmente diverse. Inizia una pagina nuova nella storia di questo Paese”.

Seguici su http://www.persemprenapoli.it