• Tempo di Lettura:6Minuti

Ieri sera ha preso il via la 74ª edizione del Festival di Sanremo.
Amadeus, al suo ultimo anno da conduttore, ha presentato tutti e 30 gli artisti in gara con l’aiuto straordinario di Marco Mengoni.
Dopo le canzoni, protagoniste indiscusse della manifestazione sanremese, sono i look degli artisti e degli ospiti a catturare l’attenzione dei telespettatori. Dai i più minimal a quelli più griffati, da quelli chic a quelli supersexy noi ve li mostriamo tutti qui e ci divertiamo a dare i voti.
Ecco le pagelle dei look visti sul palco dell’Ariston.

AMADEUS: voto 6 1/2 – Quest’anno ha scelto di farsi vestire da Gai Mattiolo. Due cambi d’abito per la prima serata: il primo, bianco e nero, sembra un omaggio dolce amaro ai bianconeri che hanno perso il Derby d’Italia contro la sua amata Inter. Chi si aspettava le giacche in paillettes è rimasto deluso.

MARCO MENGONI: voto 10 – Mattatore istrionico della serata si destreggia benissimo nelle vesti di co conduttore ma è quando si esibisce che cattura l’attenzione di tutto il pubblico, a teatro e a casa. Elegante in Armani, con dettagli impreziositi da gioielli Tiffany & Co., più selvaggio con il completo in pelle o fuori dagli schemi con la rete da pesca in cristalli al posto della camicia o con la gonna midi di Fendi. Unico denominatore comune: la bellezza.

CLARA voto 8 1/2: sperando che questo pezzo non sia stato rubato a Cardiotrap (i fan di Mare Fuori capiranno), il look è certamente originale. Un po’ futuristica un po’ scatoletta di tonno, Clara sa come catturare l’attenzione.

SAN GIOVANNI voto 5/6: look da “così lo metti anche l’anno prossimo”. Quando tua madre per la comunione ti comprava un vestito elegante ma di due taglie più grandi. Total white tiepido che non convince.

FIORELLA MANNOIA voto 6 1/2 – Abito in pizzo e piedi nudi stile matrimonio sulla spiaggia. Sposa libera e leggera, che se ne frega dei giudizi della gente, come la sua “Mariposa”.

OSPITE ZLATAN IBRAHIMOVIC – voto 8/9: Il fisico c’è e si vede. Porta benissimo un abito sartoriale ma la vera chicca sono le stelline sulla giacca. Certo la stella più grande è LUI come ci tiene a sottolineare distribuendo il suo santino tra il pubblico.

LA SAD voto 3 – Di autodistruttivo qui non c’è solo il titolo della canzone in gara. Tra i capelli colorati stile Tryx e il trucco da rave, c’è poco da salvare.

IRAMA voto 6/7 – Capello ossigenato e bagnato, maglia basic nera e pantalone in pelle che ricorda molto Ricky Martin in “Vivin la vida loca”. Minimal ma senza sbagliare.

GHALI voto 8 – In palette con la scenografia quasi da diventarne un tutt’uno. Pantalone a vita alta e giacca crop top azzurra con tante, forse troppe, paillettes. Mix tra un look alieno e la fatina di Cenerentola.

NEGRAMARO voto 9 – Aprono la pista ai look total black, ne vedremo parecchi, e li usano al meglio. Eleganti e senza fronzoli se non fosse per la voce di Giuliano quasi si confonderebbero con il palco ma va bene così.

ANNALISA voto 8 – Lei è stupenda con un look che tra reggicalze in vista e paillettes ricalca un po’ il Moulin Rouge.

MAHMOOD voto 7 – Look da idraulico, quello che tutte vorrebbero, con smanicato e pantalone cinque tasche. Lo stile c’è e si vede.

DIODATO voto 7 – Secondo look total white della serata, più azzeccato del primo, molto elegante e un po’ retrò. Come lui.

LOREDANA BERTÈ voto 6/7 – Nulla di nuovo. Minigonna nera/ capelli blu e maglione Valentino. Un look un po’ pazzo come la sua canzone ma già visto e rivisto.

GEOLIER voto 6/7 – Abbandona il look da partitella al campetto sotto casa con tuta del Napoli sfoggiato sul red carpet e abbraccia un look da cantante neo melodico che suona ad un matrimonio.

ALESSANDRA AMOROSO voto 8 1/2 – Per la prima volta in gara, sceglie un look elegante e un po’ retrò. Fasciata in un abito nero firmato Monot con guantino in seta e gioielli, è semplicemente stupenda.

THE KOLORS voto 5/6 – Paillettes e total black anche per loro. Look discreti se non fosse che Stash ha più fondotinta delle donne in gara.

ANGELINA MANGO voto 7 – Look da invitata perfetta ad una festa gitana. Tiene bene il palco ma tra trucco e parrucco fa pensare a tutto meno che alla “Noia”.

IL VOLO voto 5/6- Ancora un total black ma loro scelgono di venire direttamente in vestaglia. Mossa strategica vista la scaletta?

BIG MAMA voto 5/6 – Un mix tra una principessa Disney e la strega cattiva. Ci prova a scongiurare l’effetto bomboniera con quella gonna di piume ma senza riuscirci.

RICCHI E POVERI voto 7 – Entrano avvolti da un immenso fiocco rosso stile pacco regalo per poi lasciare spazio ad un nero sobrio ed elegante.

RENGA E NEK voto 4/5 – Tentativo di imitare Colapesce e Di Martino mal riuscito. Discutibile scelta dei colori.

EMMA MARRONE voto 6 – Si può dare di più” cantavano un tempo proprio da quel palco. Vestito basico da serata in discoteca.

MR RAIN voto 5 1/2 – Servirebbe una sessione urgente di armocromia perchè ci sono certi colori che intristiscono chiunque. Lui di sicuro.

BNKR44 voto 3 – C’è molta confusione sia sul palco sia nella testa di chi li ha vestiti ieri sera. Il cantante ricorda Mirko di ‘Kiss Me Licia’ ma non è un bene.

GAZZELLE voto 6/7 – Camicia e cravatta sotto la felpa e occhiale nero stile: quando hai una cerimonia ma prima passi al bar a salutare gli amici.

DARGEN D’AMICO voto 7 – Bellissimo il messaggio che porta sul palco, un po’ meno il look da teddy bear firmato Moschino che però sotto San Valentino intenerisce e non ci dispiace.

ROSE VILLAIN voto 6 – Mini abito di fiori e decorazioni confezionato direttamente a Capodimonte. Stivale argentato da disco anni ‘90. Tutto un po’ too much.

FRED DE PALMA voto 5 – Anche a distanza di ore non capisco cosa sia quella pezza di pailettess che penzola sulla spalla. Rimandato.

MANINNI voto 8 – Molto elegante in total black. Niente da dichiarare se non che potevano farlo uscire prima per la felicità del pubblico femminile.

SANTI FRANCESI voto 8 – Belli anche con il guantino in pelle da serial killer. Il gessato merita e Alessandro lo porta benissimo.

ALFA voto 4 – Lo stile è quello di un arbitro, c’è da chiedersi se abbia portato anche il fischietto. Rosso diretto senza rivederlo al Var.

IL TRE voto 3 – Dulcis in fundo e invece no. Ed ecco che il tuo nome diventa anche il tuo voto. Tra look e capelli non si salva niente.