• Tempo di Lettura:2Minuti

A poche ore dal debutto della nuova edizione di Sanremo, la 74esima, arriva la notizia che il Tar del Lazio ha giudicato legittima la multa da 175mila euro richiesta dall’Agcom alla Rai. Il motivo scatenante arriva dalla scorsa edizione, con Amadeus e Chiara Ferragni accusati di fare pubblicità occulta a Instagram. Il Tribunale amministrativo ha inviato gli atti alla Corte dei Conti per valutare il caso.

Cosa viene contestato? Le diverse gag dell’influencer che sul palco e dietro le quinte ha aiutato il conduttore ad aprire un profilo Instagram e usarlo in mondovisione. Una pubblicità non dichiarata quindi, a favore della piattaforma. Per l’accusa doveva essere evitata la promozione totale del social sia quella relativa al profilo personale di Amadeus, che ha raggiunto 1 milione di followers in pochi giorni. La sanzione da infliggere alla Rai si aggira fra i 10mila e i 250mila euro previsti dalla normativa.

Il commento del Codacons

Il Codacons, presente nel giudizio al Tar a tutela della categoria degli utenti, ha commentato così l’accaduto:

“Ora la Corte dei Conti dovrà aprire una istruttoria sul caso per accertare eventuali danni erariali. In tal senso presenteremo un esposto alla magistratura contabile affinché chiami a rispondere delle condotte illecite confermate dal Tar sia Chiara Ferragni, Sia Amadeus considerato che la sanzione sarà pagata dalla rete di Stato e quindi dai cittadini che la finanziano attraverso il canone, e diffideremo Agcom e Antitrust ad avviare un separato procedimento per pubblicità occulta contro Amadeus e Ferragni”.