• Tempo di Lettura:6Minuti

Da tempo si parla di un remake statunitense di Squid Game, ma ci sono diversi motivi per cui questa è una pessima idea. La serie coreana è stata un successo mondiale, con la prima stagione che ha suscitato una grande attesa per la seconda. Inoltre, alcuni spettatori statunitensi hanno richiesto un reboot della serie, ripartendo da zero con un’ambientazione americana e un cast di lingua inglese. Tuttavia, questa idea rovinerebbe Squid Game.

Per fortuna, Ted Sarandos, presidente di Netflix, ha messo a tacere l’idea di un remake di Squid Game negli Stati Uniti. Durante una conferenza stampa in Corea del Sud, Sarandos ha dichiarato che si trattava solo di voci. Tuttavia, questo non vuol dire che in futuro non possa nascere qualcosa, soprattutto se la seconda stagione di Squid Game avrà lo stesso successo della precedente. Speriamo che non sia così, perché un remake statunitense della brutale serie, sarebbe una perdita di tempo. Abbiamo individuate 7 motivi per non realizzarla:

1. Le future stagioni di Squid Game probabilmente esploreranno giochi internazionali

La stagione 1 di Squid Game ha sottilmente rivelato che i terribili giochi creati da Oh Il-nam (che si è travestito da uno dei giocatori) sono un’operazione globale. I VIP che scommettono sulle partite e, quindi, finanziano l’operazione provengono da tutto il mondo. Uno dei pezzi grosso, in una scena sottolinea come “la partite coreana era particolarmente buone quell’anno”. Questo sembra implicare che ci siano anche giochi ospitati in altri Paesi, presumibilmente anche negli Stati Uniti.

Il creatore di Squid Game, Hwang Dong-Hyuk, ha dichiarato che sarebbe interessato a esplorare i temi d’impatto della sua serie in altri Paesi. Questo perché l’estrema povertà e la corruzione delle autorità non sono un’esclusiva della Corea del Sud. Sembra quindi probabile che le future stagioni di Squid Game esplorino il funzionamento dei giochi in altri Paesi, compresi gli Stati Uniti. Questo sarebbe molto più d’impatto come parte della serie originale, piuttosto che come remake che finirebbe per competere con la versione coreana.

2. Il gioco del calamaro è già molto popolare negli Stati Uniti

Di solito, quando una serie viene rifatta in un altro Paese, è nella speranza di ampliare il pubblico della storia. Questo è stato il caso di serie come The Office, molto popolare nel Regno Unito ma praticamente sconosciuta negli Stati Uniti fino al suo rifacimento. Non sarebbe stato così per Squid Game.

La serie ha sorpreso il mondo conquistando la ribalta in diversi Paesi, con gli Stati Uniti che rappresentano una quota significativa degli spettatori di Squid Game. Quindi, rifare la storia di Gi-hun per il pubblico americano sarebbe un po’ ridondante, visto che lo stanno già guardando.

3. Un remake statunitense di Squid Game farebbe inutilmente concorrenza all’originale

Una serie di Squid Game ambientata negli Stati Uniti potrebbe avere senso se venisse realizzata diversi anni dopo la fine della serie originale. Tuttavia, poiché Netflix sta lavorando solo alla seconda stagione, è troppo presto per pensare a un remake. Poiché entrambe le serie sarebbero trasmesse contemporaneamente sulla piattaforma straming facendosi concorrenza a vicenda.

Squid Game: The Challenge. Cr. Pete Dadds/Netflix © 2023

Una serie spinoff di Squid Game con sede negli Stati Uniti potrebbe funzionare migliorando la serie originale, ma un remake che ricominciasse con un personaggio equivalente a Gi-hun non potrebbe che essere un ostacolo

4. L’ambientazione coreana di Squid Game è un elemento importante

Guardare una serie televisiva girata inizialmente in una lingua diversa può essere scomodo per alcuni spettatori. In genere si può scegliere tra la visione con i sottotitoli in inglese o con il doppiaggio in inglese, e nessuna delle due opzioni tende a essere perfetta. Tuttavia, la popolarità di Squid Game dimostra che in questo caso ne è valsa la pena.

Squid Game

In ultima analisi, la cultura sudcoreana presente nella serie è stata una risorsa importante. Non solo è stata piacevole per coloro che già amano i media coreani, ma è stata un’occasione unica per il pubblico statunitense di osservare e relazionarsi con un mondo diverso. Spogliarsi di questo aspetto sarebbe stato un errore.

5. Un remake statunitense di Squid Game sembrerebbe un furto di denaro

L’unica vera ragione per Netflix di fare un remake di Squid Game sarebbe quella di fare soldi facili, il che va contro lo scopo della serie. Un remake statunitense potrebbe aggiungere ben poco alla serie. Lo show di Netflix fa affermazioni forti sull’avidità e la moralità, immergendosi nella corruzione politica e finanziaria, nella lotta infinita per la ricchezza e nella mancanza di gioia una volta raggiunto l’obiettivo.

Si tratta di problemi che il pubblico americano può affrontare (come dimostra la popolarità di Squid Games negli Stati Uniti), ma non c’è nulla di unico che un remake possa aggiungere. Pertanto, l’unica vera ragione per Netflix di fare un remake di Squid Game sarebbe quella di fare soldi facili. Questo va contro l’intero scopo della serie.

6. Uno Squid Game statunitense avrebbe bisogno di un titolo completamente nuovo

Dal momento che Squid Game è tipicamente coreano, non è facile immaginare cosa rimarrebbe se la serie venisse smontata e ricostruita in un racconto occidentale. Anche il titolo è unico per i concetti coreani dello show. Sebbene la sanguinosa competizione nel suo complesso sia spesso chiamata “Squid Games” dagli spettatori statunitensi, il titolo dello show si riferisce in realtà solo alla partita finale giocata da Gi-hun e Cho Sang Woo.

Squid Game

Poiché non si tratta di un gioco che si svolgeva nelle scuole americane, non sarebbe adatto a una serie rifatta. A questo punto, Netflix farebbe meglio a proporre un concept nuovo di zecca. L’unico vantaggio di un gioco di calamari statunitense sarebbero i giochi per bambini americani.

7. L’unico vantaggio di un remake americano, sarebbero i giochi per bambini

Uno dei fattori di attrazione di Squid Game è vedere i giochi per bambini trasformati in uno sport cruento. Per il pubblico sudcoreano, ogni gioco ha fatto leva sulla nostalgia della propria infanzia. Tuttavia, nel caso del pubblico statunitense, solo un paio di giochi erano comuni anche nei parchi giochi occidentali. Questo è probabilmente il motivo per cui la sequenza “Red Light Green Light” è stata una delle scene più virali negli Stati Uniti.

Squid Game

Sebbene una serie incentrata su giochi per bambini, che siano nostalgici per il pubblico americano, sarebbe indubbiamente divertente, l’idea invecchierebbe abbastanza rapidamente. Anche la seconda stagione di Squid Game faticherà a battere la brutalità della prima, poiché il fattore sorpresa e la giustapposizione dei sanguinosi giochi per bambini saranno diminuiti. Se Netflix dovesse trasformare Squid Game in una serie statunitense, il pubblico saprebbe già cosa aspettarsi, quindi anche le versioni raccapriccianti di vari giochi per bambini americani come Four Square o Tetherball, non sarebbero sufficienti.