• Tempo di Lettura:2Minuti

In una recente intervista con il chitarrista dei Dragonforce Herman Li, Tim Henson ha ricordato i suoi giorni in High School, e le lunghe sessioni di pratica che lo hanno portato a diventare il virtuoso chitarrista che è oggi: “Mi piaceva davvero l’erba. E in Texas è molto illegale”.

“Quando avevo 16 anni sono stato fermato per possesso (di erba, ndr.). Ho passato la maggior parte dei miei giorni di scuola superiore ai domiciliari e in punizione. Avevo molto tempo per me stesso, che ho sfruttato esercitandomi con la chitarra.”

“Con il senno di poi avrei potuto non fare cose illegali e sviluppare più capacità sociali? Probabilmente. Sarebbe stato grandioso” dice Tim Henson. “Ma allo stesso tempo non avrei avuto tutto quel tempo con la chitarra. Quindi, immagino che ora sia il momento in cui, man mano che cresciamo come band e cresciamo come persone, impariamo le abilità sociali.”

Alla domanda sulla reazione dei suoi genitori alla sua carriera musicale Tim risponde: “Mio padre è stato per lo più di supporto durante l’intera carriera. All’inizio però era un po’ turbato che avessi lasciato la scuola per questo.”

“Ma appena ha visto che il nostro primo album ha raggiunto il goal del crowfunding, è salito a bordo della barca ed era tipo ‘Wow, lo stai facendo davvero. Ti supporto'”

Sua madre, d’altra parte, ha impiegato un po’ più di tempo per essere convinta: “Non ha davvero iniziato a comprenderlo immagino fino all’anno scorso, quando sono tornato in Texas” spiega Henson, “una volta visto lo studio costruito, immagino siano cose più tangibili per un genitore.”

Tim Henson ha recentemente pubblicato con i Polyphia l’attesissimo quarto album in studio Remember That You Will Die, seguito da un tour Europeo di 15 date.