• Tempo di Lettura:2Minuti

L’Italia ha raggiunto la vetta della classifica generale della reputazione turistica europea, anche se c’è un margine di miglioramento nell’uso istituzionale dei social media. Spagna e Germania seguono a ruota. Secondo lo studio Demoskopika sulla reputazione dei sistemi turistici regionali, quest’anno si allarga al contesto europeo con l’Indice di Reputazione Turistica Europea (Etr Index), che l’ANSA pubblica in esclusiva.

Con un punteggio di 109,1, l’Italia è in testa alla classifica generale, primeggiando in tre indicatori su cinque (ricerca della destinazione, popolarità, fiducia della destinazione su Tripadvisor) e guadagnando la medaglia d’argento nella valutazione del sistema di ospitalità.

Tuttavia, la posizione dell’Italia nell’aspetto dei social media è meno promettente, secondo Demoskopika. I canali istituzionali monitorati (Enit, Italia.it) non sono adeguatamente utilizzati, a differenza di alcuni concorrenti (Spagna, Portogallo, Grecia e Germania), il che ha fatto scivolare l’Italia al quinto posto nella classifica parziale del Social Reputation Rating (101,8 punti). La Spagna si piazza al secondo posto (105,3 punti) nel medagliere generale.

In terza posizione troviamo la Germania (101,6 punti), che ha ottenuto una performance significativa in tutti gli indicatori individuati. Il sistema turistico tedesco è caratterizzato da una “trasversalità virtuosa”. Ha ricevuto la medaglia di bronzo nelle classifiche parziali della valutazione del sistema di ospitalità (103,0 punti) e della ricerca della destinazione (97,9 punti), il quarto posto nella reputazione sociale (103,3 punti) e nella fiducia della destinazione su tripadvisor (96,4 punti) e il quinto posto nella classifica della popolarità della destinazione (100,3 punti).

Italia prima nel turismo, le parole di Daniela Santanchè: “Soddisfazione e ottimismo per il futuro”

“Essere la nazione più desiderata e popolare è senza dubbio un fatto che ci riempie di soddisfazione per il presente e di ottimismo per il futuro. Tuttavia, non ci basta essere la destinazione più cercata online; non possiamo fermarci a questo. Dobbiamo aspirare a rendere l’Italia capace di presentare la migliore offerta turistica in termini di ricchezza, profondità e qualità, in modo da essere non solo la destinazione più sexy online ma anche la più scelta”, commenta il Ministro del Turismo Daniela Santanchè. “Dobbiamo continuare su un percorso di costruzione di proposte turistiche di qualità e di rafforzamento della brand reputation. Miglioriamo costantemente giorno dopo giorno, anche grazie alle tante aziende che scelgono di salire a bordo e di arricchirlo”, conclude.