• Tempo di Lettura:2Minuti

I servizi di sicurezza ucraini (SBU) hanno dichiarato che un missile da crociera russo ha colpito l’ospedale pediatrico Okhmatdyt di Kiev questa mattina. Hanno inoltre affermato di aver trovato prove importanti sulla scena, come frammenti della parte posteriore di un missile X-101 con un numero di serie e una parte del timone dello stesso. In precedenza, l’esercito russo aveva negato qualsiasi responsabilità, sostenendo che l’ospedale era stato colpito dai detriti dei missili antiaerei ucraini, senza però fornire alcuna prova a supporto di tali affermazioni.
Il bombardamento russo è avvenuto mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si stava recando a Varsavia, prima di volare poi al vertice della Nato a Washington. Ci sono diverse esplosioni nel centro di Kiev dove almeno cinque persone sono morte nell’attacco all’ospedale pediatrico, secondo il bilancio diffuso dal ministero dell’Interno.
L’ospedale è stato evacuato dopo un blackout di energia elettrica, ossigeno e acqua. I bambini in cura nella struttura – la più grande del suo genere nel Paese – saranno trasferiti in altri ospedali. 

TAJANI: “È UN CRIMINE DI GUERRA”

“Sono colpito dalle immagini dei bombardamenti su Kiev con i quali è stato colpito anche un ospedale pediatrico. Crimini di guerra che vanno condannati da tutta la comunità internazionale. Il governo continuerà a difendere la sovranità dell’Ucraina e del suo popolo“, queste le parole del Ministro degli Esteri Antonio Tajani.

Segui Per Sempre News anche sui social!