• Tempo di Lettura:2Minuti

Nell’ultimo posticipo della trentunesima giornata del campionato di Serie A l’Inter ha espugnato il Bluenergy Stadium di Udine e ha consolidato il primato della classifica portandosi a quota 82 punti. La compagine friulana, nonostante la sconfitta, si è rivelata un osso duro per la squadra di Inzaghi. Nel primo tempo infatti l’estremo difensore bianconero Okoye ha compiuto tre importanti interventi, uno su Lautaro Martinez e due su Calhanoglu, riuscendo a mantenere la porta inviolata. Al 40′ l’Udinese è riuscita a portarsi in vantaggio grazie al gol sporco di Samardzic. Nella ripresa l’Inter ha acciuffato il pareggio grazie al rigore trasformato dal solito Calhanoglu e nel finale Frattesi ha trovato la rete della vittoria. Con questo successo i nerazzurri si riportano a +14 sul Milan e nella prossima giornata affronteranno davanti al pubblico amico del Meazza il Cagliari dell’ex tecnico Claudio Ranieri, reduce dalla vittoria contro l’Atalanta.

Nel post partita di Udinese-Inter Simone Inzaghi ha commentato ai microfoni di Dazn la vittoria della sua squadra al Bluenergy Stadium, come riportato dal sito Fcinternews.

“Volevo cambiare il sistema di gioco mettendo Sanchez dietro le due punte. Ho ottimi giocatori che danno sempre tutto, vincere 26 partite su 31 è difficile se tutti non vanno nella stessa direzione. Non guardiamo tabelle e classifiche, ragioniamo di partita in partita. Domenica c’è il Cagliari che ci creerà delle difficoltà. 
Sarebbe riduttivo parlare solo di Frattesi. Ho tanti giocatori che restano fuori, ma gli allenatori devono prendere tante decisioni. Davide è stato per noi importantissimo, si è calato perfettamente nel gruppo. Morde il freno, ma ha trovato dei giocatori che mi mettono in difficoltà. Sa che ha fatto gol importantissimi, penso a quello col Verona in un momento delicato. Ha sempre fatto ottimi ingressi, sono molto contento di lui e non solo. Stiamo facendo qualcosa di importante, ma mancano ancora 40 giorni alla fine. Fa piacere, è una vittoria che volevamo a tutti i costi. Non penso sia un’esultanza di un trofeo, ma per una partita importante che ci proietta a quello che vogliamo ottenere. Mancano 8 punti per la matematica, dobbiamo mantenere alta la concentrazione”.