• Tempo di Lettura:4Minuti

FESTA DEI DIRITTI: A BOLOGNA GIORNATA DEDICATA
ALL’INFANZIA E ALL’ADOLESCENZA

Sabato 18 maggio, in Piazza Lucio Dalla, piccoli e grandi hanno celebrato la Festa dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, organizzata dal Comitato UNICEF di Bologna in collaborazione con l’amministrazione comunale. Al centro l’anniversario della ratifica italiana della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, troppo spesso negati e violati.

Un giorno di festa dedicato ai bambini tra musica, giochi e burattini ma anche un giorno per riflettere sulla negazione dei diritti, nel contesto di una crisi umanitaria internazionale in corso. Il Comitato Provinciale UNICEF di Bologna e il Comune di Bologna hanno organizzato anche quest’anno, con un intento sociale ed etico, la “Festa dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” aperta a tutta la cittadinanza.

Sabato 18 maggio, a partire dalle 9:30, in Piazza Lucio Dalla, ha celebrato un evento fondamentale per la storia dei diritti. Infatti, nel 1991, (in data 27 maggio), l’Italia ratificava la Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza con la legge n. 176, garantendo l’applicazione della Convenzione e la promozione dei suoi principi fondamentali a tutela dei diritti inviolabili dei bambini.

Ogni bambino ha il diritto di crescere sano e in condizioni di sicurezza, di sfruttare il suo potenziale, di essere ascoltato e preso sul serio”. Lo ha sancito trentatré anni fa l’Assemblea generale delle Nazioni Unite nella Convenzione sui Diritti dell’Infanzia. Principi che oggi vengono disattesi in numerosi Paesi del mondo.

Festa

NUMERI E DATI DI UNA CRISI UMANITARIA IN ATTO

Guardando i numeri relativi alla crisi umanitaria provocata dalle guerre in corso, ci si può fare facilmente un’idea sulla situazione.

In Ucraina ci sono stati, fino a oggi, 700 bambini morti.

Nella Striscia di Gaza le giovani vittime sono 14.000. In tutto, 449 milioni di bambini nel mondo vivono attualmente in zone di guerra.

Non accenna a diminuire inoltre il fenomeno dello sfruttamento sessuale (che coinvolge 10 milioni di bambini), quello del lavoro minorile (che vede 168 milioni di minori sfruttati) e quello delle morti per cause prevedibili (che ogni anno conta 8 milioni di bambini deceduti sotto i 5 anni).

La condizione dei bambini è in via di peggioramento anche in Italia. Negli ultimi anni la situazione di povertà di bambini e ragazzi ha registrato valori preoccupanti. Infatti, se nel 2014 era del 10%, nel 2021 si è arrivati al 14,1%. Non meno grave la questione del lavoro minorile che – si stima – riguardi 336.000 minorenni tra i 7 e 15 anni.

Festa sui diritti per rivendicarli

La festa dei diritti un’occasione per porre l’accento sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia e nel mondo. Per ribadire e promuovere i principi della Convenzione ONU a cui nessun essere umano dovrebbe sottrarsi.

Tra le iniziative che si sono svolte nella mattinata del 18 maggio, la premiazione del concorso fotografico “La felicità in uno scatto” nell’ambito del progetto del Comune di Bologna “Patente smartphone”. A seguire sul palco sono intervenuti il presidente Unicef Bologna Raffaele Pignone e l’assessore del Comune di Bologna Daniele Ara, con la moderazione della giornalista Deborah Annolino. Ancora racconti e musica dal vivo con la scuola Jam Session.

La festa fino alle ore 18:30 tra storie sui diritti, lo spettacolo di burattini, sessione di ginnastica e molte altre attività, artistiche e musicali, dedicate ai piccoli.

Un ringraziamento alle associazioni presenti alla manifestazione che hanno offerto attività e momenti di intrattenimento ai bambini e alle loro famiglie:

Estragon Club, Associazione Jam Session, Burattini a Bologna, Kia Dance Company, Artebambini, Associazione Culturale Youkali, Coro Vecchioni di Mariele, MumBo, Bimbo Tu, Piccoli Grandi Cuori Odv, Associazione Cucciolo, Fanep Odv, Associazione PAIDEIA, Geopolis.

Festa

L’evento patrocinato da: Regione Emilia-Romagna e Ufficio Scolastico regionale.

L’Unicef è l’agenzia leader nella fornitura di acqua e servizi igienici nelle emergenze umanitarie. Dal 1990 a oggi nel mondo 1,8 miliardi di essere umani hanno guadagnato l’accesso all’acqua potabile, grazie a Unicef, governi e altre associazioni.

Ufficio stampaAD Communications
Image
Tel. 051 0959972Mob. 347 4072574Via Odofredo, 6 – 40136 Bologna www.adcommunications.it