• Tempo di Lettura:2Minuti

Svolta negli Stati Uniti: la Camera ha approvato a grande maggioranza la legge che prevede il divieto di utilizzare TikTok su tutto il territorio americano. In attesa di sapere la risposta del Senato, che non sembrerebbe favorevole al bando del social media, l’aziende cinese ByteDance ha tempo sei mesi per vendere la piattaforma. Scaduto il termine, se il titolo non è stato venduto, l’applicazione più usata dalla generazione Z e non solo, non sarà più disponibile. Al momento infatti sono circa 170 milioni gli utenti americani che usano questo social network, fra cui il presidente Joe BIden, favorevole al bando.

Perché bannare TikTok?

Il motivo dietro questa legge è la paura dei legislatori riguardo l’utilizzo dei dati degli utenti statunitensi che possono essere usati in maniera impropria dal governo cinese. Approvato dalla Camera, ora il disegno passerà al Senato. Molti senatori non sarebbero favorevoli a una rapida approvazione perché non ci sarebbe il tempo di valutare tutte le implicazioni del possibile bando.

La risposta della Ocasio Cortez sul bando TikTok

Tra questi Alexandria Ocasio-Cortez, esponente della sinistra dem che ha dichiarato:

Voterò no alla vendita forzata di TikTok, questa legge è stata affrettata in modo incredibile, dalla commissione al voto in quattro giorni, con pochissime spiegazioni. Vi sono in gioco questioni serie di antitrust e privacy e preoccupazioni di sicurezza nazionale che dovrebbero essere spiegate al pubblico prima del voto“. Posizione che la deputata condivide con Donald Trump.