• Tempo di Lettura:2Minuti

Aveva deciso di trovare un po’ di refrigerio lungo le acque del Masino, tra Carteggio e Ardenno, in Val Masino, in provincia di Sondrio, quando la corrente lo ha trascinato con sé e gli amici non sono riusciti a trattenerlo. 

Nel primo pomeriggio di ieri, il ragazzino insieme a tre amici ha deciso di fare il bagno nel torrente, ingrossato dalle forti precipitazioni dei giorni scorsi.  All’improvviso, però, si è accorto di non riuscire più a nuotare per raggiungere la riva, perché la corrente era troppo forte. 

Un amico 22enne si è tuffato, ma non è riuscito ad afferrarlo, ed è stato a sua volta soccorso dagli altri due ragazzi: ha riportato traumi al bacino, alla schiena e a una gamba ed è stato ricoverato all’ospedale Morelli di Sondalo.

I soccorsi

Immediatamente sono stati allertati i soccorsi. Sul posto, per cercare di rintracciare il minorenne, stanno operando i vigili del fuoco, coadiuvati dal soccorso alpino e dai sanitari del 118. Operativi anche tre elicotteri, l’AB412 del nucleo dei vigili del fuoco di Torino con specialisti sommozzatori e i due mezzi Areu di Sondrio e Brescia. Sul posto anche i carabinieri della stazione di Ardenno.

Il sindaco di Val Masino, Pietro Taeggi, ha chiesto all’Enel di ridurre la portata dell’acqua del torrente Masino dove sono in corso le ricerche. “L’Intento – spiega il primo cittadino – è di diminuire la portata dell’acqua nell’alveo, allo scopo di facilitare le ricerche del 17enne. Ma vedo che è ancora tanta. I volumi, tuttavia, restano notevoli perché nei giorni scorsi le precipitazioni qui sono state forti e prolungate per più giorni”.