Vivendi prende tutto. La media company francese guidata da Vincent Bollorè punta a diventare sempre più l’azienda di riferimento dell’editoria d’oltralpe. E mentre in Italia attende gli esiti delle “partite” aperte sulle sue partecipazioni in Mediaset e Telecom, a casa sua punta ad acquisire Prisma Media, gruppo editoriale leader in Francia nella stampa e nel digitale, con 20 marchi leader nel settore riviste, da “Femme Actuelle” a “Geo”, da “Capital” a “Gala” e “Télé-Loisirs”. Per un pubblico di 42 milioni di lettori al mese tra riviste, web e mobile.

Ad annunciare la trattativa con il gruppo Bertelsmann proprietaria di Prisma media, è la stessa Vivendi che in una nota scrive di aver “avviato negoziati esclusivi con Gruner + Jahr (controllata del gruppo Bertelsmann) per acquisire il 100% di Prisma Media”.

Con l’acquisizione del gruppo editoriale francese, Vivendi andrà a completare la gamma delle proprie attività esistenti. “Questa acquisizione – si legge nella nota – rientra perfettamente nella strategia di Vivendi per affermarsi come gruppo leader dei media, dei contenuti e della comunicazione”. “Inoltre – continua il comunicato della società -, offre interessanti opportunità di collaborazione all’interno del Gruppo e di sviluppo delle pubblicazioni di alta qualità”.

“Secondo la normativa applicabile, l’acquisizione prevista resta soggetta all’informazione e alla consultazione con gli organi di rappresentanza dei dipendenti competenti e alla finalizzazione della documentazione legale”, ha aggiunto Vivendi.

A certificare le mire “espansionistiche“ del gruppo di Bollorè nel settore dell’editoria transalpina, il precedente ingresso di Vivendi anche nel capitale di Lagardere, altra società editrice d’oltralpe. E’ di ottobre l’annuncio che Vivendi ha superato la soglia del 25% del capitale del gruppo, motivo per cui è anche in corso uno scontro legale. (ADGInforma)