• Tempo di Lettura:2Minuti

L’Azienda Ospedaliera Santobono-Pausilipon, con il dipartimento di Oncologia pediatrica e il servizio di psiconcologia, è promotrice della mostra di pittura “Il senso di Bruna per l’Arte”. Esposizione che sarà inaugurata venerdì 27 Maggio, alle ore 15:30, nella Sala del Capitolo del complesso monumentale di San Domenico Maggiore. Sarà visitabile, nella Sala Biblioteca, dal 18 maggio al 4 giugno, dalle 9 alle 18. 

Le opere esposte sono quelle di Bruna, giovane paziente. A breve compirà 18 anni. E’ in cura al Pausilipon da un anno e mezzo. Le ha realizzate con l’utilizzo dell’Arteterapia nell’ambito dei percorsi di recupero psicologico. 

La giovane, studentessa di liceo artistico, e ha una passione per la pittura. Ha iniziato il percorso di cura al Pausilipon, con una grave disabilità motoria dei quattro arti. Successiva ad un delicato intervento. Perdendo anche l’uso della parola. In seguito a un percorso di riabilitazione e all’Arteterapia ha iniziato a recuperare la funzionalità delle mani. Ha ripreso a dipingere e, soprattutto, a esprimere le sue emozioni.

Il 27 maggio, alle 15:30, Bruna sarà presente all’inaugurazione della sua prima mostra personale di pittura. Presenti il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi; l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, Luca Trapanese; l’assessore alla Scuola della Regione Campania, Lucia Fortini; il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, Ettore Acerra; la responsabile della Scuola in Ospedale, Paola Guillaro; il direttore generale dell’AORN Santobono-Pausilipon, Rodolfo Conenna; il direttore del dipartimento di Oncologia della AORN Santobono-Pausilipon, Giuseppe Menna; il direttore della UOC di Oncologia Pediatrica dell’AORN Santobono-Pausilipon, Massimo Abate e Flavia Camera, psiconcologa del dipartimento di Oncologia dell’AORN Santobono-Pausilipon. 

L’Arteterapia, con laboratori di musicoterapia, di biodanza, di manipolazione e pittura ha l’obiettivo di offrire, durante la degenza, un intervento psicologico che migliori il processo di adattamento alla malattia e all’ospedalizzazione. Nel corso degli anni tanti sono stati i manufatti realizzati dai pazienti in cura presso l’ospedale Pausilipon e sono la dimostrazione del valore curativo dell’arte.