• Tempo di Lettura:2Minuti

“Mercato nero” dei vaccini. La Campania svantaggiata con un numero nettamente inferiore rispetto ad altre regioni italiane. Conteggi sbagliati e squilibrati riguardo la distribuzione dei vaccini in Italia e soprattutto nella regione campana. Questi gli argomenti discussi dal governatore campano De Luca durante la consueta diretta social del venerdì.

La distribuzione dei vaccini

“La Campania – afferma infatti De Luca – è nettamente svantaggiata rispetto ad altre Regioni che hanno fino ad un milione e mezzo di abitanti in meno. Nella distribuzione di vaccini noi siamo a quota 135 mila, mentre ci sono Regioni con popolazione inferiore ad averne di più. Basti pensare ai 183 mila dell’Emilia Romagna, ai 179 mila del Lazio”. E ancora. “La Lombardia è a quota 304 mila, e il Piemonte a 170 mila. Nessuno mi dica che stiamo rispettando i giusti criteri di distribuzione”.

L’accusa

Il governatore campano lancia la stoccata al Governo riguardo il piano di distribuzione dei vaccini approvato: “Stiamo assistendo a un mercato nero dei vaccini, occorre un riequilibrio. Siamo stati nettamente svantaggiati”.

L’obiettivo

Cosa fare? De Luca ha ben chiara la strada da percorrere: “Il nostro obiettivo – conclude infatti Vincenzo De Luca – è completare le vaccinazioni in Campania entro il 2021, sempre se avremo a disposizione tutte le dosi necessarie. Stiamo lavorando per la fase 2, cioè quella della vaccinazione di massa a marzo. Stiamo puntando all’operatività di circa 140-145 punti di somministrazione per arrivare a vaccinare 4 milioni e 600 mila cittadini. Per farlo occorrerebbe vaccinare fino a 60 mila persone al giorno”.

La richiesta

La richiesta del governatore: “Chiediamo che ci venga dato ciò che ci è stato sottratto, e cioè il recupero di dosi di vaccini che ci spettano, calcolati in base alla popolazione residente nelle varie Regioni. Vogliamo più riequilibrio, speriamo di non dover arrivare al limite, e cioè richiedere l’invalidazione del piano di distribuzione dei vaccini”.

Seguici su http://www.persemprenapoli.it