• Tempo di Lettura:5Minuti

Sono trascorsi quasi 10 anni dal debutto degli Imagine Dragons sulla scena musicale internazionale.

La band, formatasi a Las Vegas nel 2008 e composta da Dan Reynolds, Wayne Sermon, Ben Mckee e Daniel Platzman, è considerata tra i principali esponenti del pop rock americano. Con otto album alle spalle (di cui due dal vivo), per un totale di 75 milioni di copie vendute, sono tra gli artisti con il maggior numero di vendite nella storia della musica.

Night Visions

Esattamente il 4 settembre del 2012 usciva l’album Night Visions, che ben presto si impose al secondo posto nella Billboard 200, con 83mila copie vendute solo nella prima settimana. A rendere il disco un successo planetario e gli Imagine Dragons la band più promettente del 2013, i celebri singoli Radioactive, Hear Me, On Top of the World, It’s Time e Demons.

A cavallo tra il 2014 e il 2015 Radioactive (14 volte platino) raggiunse oltre 14 milioni di unità vendute tra vendite e streaming, ottenendo la certificazione di disco di diamante. Tra i vari riconoscimenti, si aggiudicò il titolo di brano rock più venduto della storia nell’era digitale e la band vinse un Grammy Award per la migliore esibizione rock di un gruppo. Anche Demons ottenne un gran successo di vendite, con 4 milioni di copie solo negli USA.  

Night Visions ha ottenuto 7 dischi di platino in USA e 2 in Italia, occupando la Billboard Top 200 per 408 settimane. A seguito del forte successo del loro album di debutto, gli Imagine Dragons girano Europa, America e Nord America con il Night Visions Tour. In quest’ultimo vi inseriscono anche due date in Italia, dove si esibiscono il 4 maggio del 2013 al Factory di Milano e il successivo 4 dicembre a Padova, all’interno del Gran Teatro Geox. Quel giorno anche io partecipai al loro concerto, insieme a poche migliaia di persone. Ricordo infatti che rimasi sorpresa da quanto pochi fossimo all’interno del teatro, aspettandomi che i biglietti sarebbero andati a ruba. Già allora gli Imagine Dragons erano una band più che affermata anche nel resto d’Europa, ma in Italia non avevano ancora ‘spopolato’ granché.

I tanti successi degli Imagine Dragons

Il che fa sorridere, se pensiamo che lo scorso 11 giugno, l’Ippodromo di San Siro era colmo di fan, me compresa, che hanno aspettato ben 13 ore sotto il sole prepotente di Milano per ascoltare dal vivo il Mercury Act 1 Tour. Gli italiani aspettavano un loro live da tempo, considerando che l’ultima volta in cui si sono esibiti dal vivo risaliva al 2019. In quell’anno fissarono come unica tappa europea del loro Origins Tour quella al Firenze Rocks. Era il 2 giugno 2019: la band fece impazzire la Visarno Arena e, chi come me possedeva il biglietto per il PIT, non dimenticherà l’incalcolabile quantità di persone che erano accorse nel prato. Più dell’anno precedente, quando circa 60 mila persone (me compresa, come al solito) assisterono al loro Evolve Tour durante il Milano Rocks, nonostante piovesse a dirotto.

Nostalgici ricordi a parte, la band americana ha raggiunto in un decennio risultati inimmaginabili, conquistando sempre più persone con la loro musica. Uno stile, il loro, che parla a tutti ed è per tutti. Le canzoni degli Imagine Dragons hanno tutte un significato molto forte e introspettivo, simbolo della enorme sensibilità del frontman. Insieme ai suoi musicisti, Dan è impegnato nel sociale, finanziando e realizzando progetti in collaborazione con numerose associazioni. Tra i temi più affrontanti dalla band, che si esplicano nei testi delle loro canzoni, vi sono soprattutto il bullismo, la lotta all’omofobia e al razzismo e soprattutto il tema della salute mentale. Argomenti che sono stati d’aiuto a molti ragazzi, dunque mirati a creare consapevolezza nelle nuove generazioni, ma anche rivolti ai pi grandi. Tra i fan degli Imagine Dragons che partecipano ai loro concerti, vi sono tantissime persone adulte, di età compresa tra i 35-50 anni. Io li ho osservati e posso dire con certezza che erano più scatenati di noi ‘giovani’.

I sei album in studio degli Imagine Dragons

Dopo l’enorme successo dell’album Night Visions, la band non smette di ‘sfornare’ hits e dischi che riscuotono un forte apprezzamento del pubblico. Il secondo album si intitola Smoke and Mirrors e venne rilasciato il 17 febbraio 2015, anticipato dai brani Summer, I’m So Sorry, I Bet My Life, Gold e Shots.

Il 23 giugno 2017 esce il terzo album in studio, Evolve, di cui fanno parte le hits Thunder, Whatever It Takes, Believer e Walking the Wire.

Arriva poi Origins, pubblicato il 9 novembre 2018, da cui sono stati estratti Natural, Machine, Bad Liar e Zero (colonna sonora del film d’animazione Ralph Spacca Internet).

Nel settembre 2021 esce Mercury Act 1, che contiene i successi Follow You, Cuttrhoat, Wrecked e Lonely.

Infine quest’anno, ad inizio luglio, ne è stato pubblicata l’attesissima seconda parte nonché sesto album in studio, Mercury Act 2. Al suo interno compaiono i brani Bones e Sharks, che si confermano grandi successi e stanno scalando le classifiche mondiali.

Night Visions: Expanded Edition

In occasione del 10° anniversario dell’album di debuttoil 9 settembre 2022 gli Imagine Dragons pubblicheranno la versione Expanded Edition di Night Visions. Oltre all’album originale, la nuova edizione contiene altre 9 tracce in studio e 2 brani inediti intitolati Love of Mine e Bubble. L’Expanded Edition sarà disponibile su tutti i Digital Store e nei formati fisici: 2LP (con copertina originale + una cover litografata celebrativa) e 2CD.

TRACKLIST: CD1

  1. Radioactive
  2. Tiptoe
  3. It’s Time
  4. Demons
  5. On Top Of The World
  6. Amsterdam
  7. Hear Me
  8. Every Night
  9. Bleeding Out
  10. Underdog
  11. Nothing Left To Say / Rocks

TRACKLIST: CD2

  1. Cha-Ching (Till We Grow Older)
  2. Working Man
  3. My Fault
  4. Round And Round
  5. The River
  6. America
  7. Selene
  8. Fallen
  9. Cover Up
  10. Love of Mine (Demo)
  11. Bubble (Demo)