• Tempo di Lettura:3Minuti

Per meglio capire le origini dei fratelli De Filippo , poiché nel suo libro Peppino , affronta il capitolo della loro paternità molto più avanti ma , spesso lo nomina in maniera più o meno chiara , faccio un salto in avanti per poi tornare indietro e vi riporto le pagine non cui si parla di ” ZIO ” ,,,””” Mia madre , mal guidata , mal consigliata dai suoi genitori , scivolò tra le braccia vogliosa e di questo suo “zio ” ganemede ottocentesco .

Ora intendiamoci , io non rimprovero nulla a mia madre . Essa costruì a suo modo la sua esistenza e la sua famiglia . Fu una bella e semplice donna vittima di un abbaglio . Lo zio EDUARDO SCARPETTA , a quell’epoca era un uomo charmant ed era considerato l’uomo più simpatico e interessante della città e l’artista comico di teatro più celebre di quei tempi . Colui che , per abilità , intuito ed intelligenza , era l’affossatore della stantia maschera Acerrana .

Colui che era il rinnovatore del teatro San Carlino . Colui che poteva essere considerato un ” genio ” del teatro comico . Fisicamente era più che caruccio e piacente , da piccolo infatti , il padre , di nome Domenico e impiegato presso un ufficio governativo , lo aveva soprannominato ” perzecone ” in ossequio alla freschezza e floridezza della sua carnagione .

Teatro

Quando conobbe mia madre era già maturo negli anni e del come ebbero modo di approfondire la loro conoscenza non saprei dire . Certamente la vicinanza in famiglia . MIA MADRE ERA UNA SUA NIPOTE , ESSENDO FIGLIA DI LUCA DE FILIPPO , FRATELLO DI ROSA ANDATA IN SPOSA A SCARPETTA .

Mia madre , a quell’epoca , poco più che diciottenne , era di una bellezza ineguagliabile e si capisce che non avrebbe potuto sfuggire alle attenzioni di uno ” zio ” in possesso d’una sua particolare mentalità morale : spicciola , sbrigativa ! Eduardo Scarpetta fu per mia madre una corda messale al collo , pronta a strozzarla al minimo segno di fuga . Di temperamento calmo , quieto e di sentimenti semplici , mia madre fu facilissima preda di quell’uomo fatto davvero di pochi scrupoli . Nondimeno fu lo scopo della sua vita , ne fu il ” perché ” . Lo attendeva in tutte le ore paziente e rassegnata .

Buon teatro ,,,,,nel prossimo articolo,,,,,

Seguiteci su https://www.facebook.com/persemprenews, https://x.com/persempre_news