• Tempo di Lettura:1Minuto

Una decisione del Ministero della Difesa Crosetto ha scatenato una polemica nel panorama politico italiano: la sospensione per 11 mesi dall’impiego del generale Vannacci.

Il generale è stato sospeso in seguito ad un procedimento disciplinare avviato mesi fa dopo la pubblicazione del libro “Il mondo al contrario”, che avrebbe compromesso il prestigio e la reputazione delle Forze armate.

La mossa ha innescato un acceso dibattito tra i partiti, con il leader della Lega Matteo Salvini che commenta: “Un’inchiesta al giorno, siamo al ridicolo, quanta paura fa il generale?”.

Ed annuncia addirittura l’intenzione di candidare Vannacci alle Elezioni Europee.

Il Ministro della Difesa, Crosetto, risponde alle critiche.

Sottolinea che il procedimento disciplinare è stato avviato autonomamente, senza alcun coinvolgimento politico, da un’autorità tecnica.

Una volta che tutte le informazioni saranno disponibili, magari i commenti saranno più appropriati”, dichiara Crosetto.

E che non ha più guance da porgere, riferendosi a Salvini.

Nel frattempo, il generale Vannacci riflette sulla sua possibile discesa in politica con la Lega, dichiarando di essere in fase di valutazione riguardo all’invito ricevuto.

Nonostante la sospensione dall’impiego, Vannacci annuncia che continuerà a rivendicare la libertà di espressione.

Segui Per Sempre News anche sui social!