• Tempo di Lettura:2Minuti

Solidarietà per gli “ultimi”. Sostegno per le fasce più bisognose. Donare aiuto ai più deboli, soprattutto in un momento di emergenza sanitaria in cui è più complicato realizzare determinati progetti. Nasce con questi presupposti il progetto comunale, realizzato con gli operai della Whirlpool, a sostegno delle fasce più deboli. Il sindaco di Napoli, attraverso un post su Facebook, spiega precisamente in cosa consiste: “Quest’anno difficile sta per concludersi e come amministrazione abbiamo deciso di destinare una parte importante delle nostre risorse ai più fragili – spiega infatti de Magistris – organizzando un #Natale di solidarietà diffusa. Purtroppo non potendo predisporre del classico pranzo di Natale per le fasce più deboli, a causa delle norme anti covid, in ogni territorio doneremo sostegno a chi si occupa degli ultimi”. In che modo sarà possibile sviluppare il progetto? “Distribuiremo – spiega il sindaco partenopeo – pacchi alimentari per le mense, dispositivi di protezione individuale, gel disinfettante, detergenti. Una serie di tappe che vanno dal carcere alle mense, passando per i centri di accoglienza e le case per anziani. A fare da supporto come volontari ci saranno anche gli operai e le operaie della #Whirlpool. Il nostro Natale – conclude de Magistris – è un Natale di solidarietà”. In calendario (foto) una serie di iniziative con relative destinazioni e programmi, che iniziano il 19 dicembre, per terminare il 6 gennaio 2021. Si inizia con il sostegno al “detenuto invisibile” presso alcune carceri napoletane, evento inaugurale di tutto il progetto. Si prosegue poi con le varie mense in programma, passando per la classica tombolata natalizia. E ancora: dal pranzo di fine anno in una casa per anziani, ai programmi nelle varie mense o centri di accoglienza, per terminare con il pranzo della Befana. E’ questo il calendario del progetto “Natale di solidarietà diffusa, per regalare un sorriso ai cittadini più fragili”.

solidarietà