• Tempo di Lettura:2Minuti

Un nuovo studio ha portato alla luce un enorme serbatoio di gas idrogeno sotto una miniera di cromo in Albania, offrendo una potenziale strada per l’energia pulita nel contesto della spinta globale verso la sostenibilità. Si stima che il serbatoio sotto la miniera di Bulqizë contenga fino a 55.000 tonnellate di idrogeno, che potrebbero sostenere un flusso elevato per oltre due secoli.

La ricerca, guidata da Laurent Truche, professore di geochimica all’Università di Grenoble Alpes in Francia, ha rivelato che il serbatoio di idrogeno si trova all’interno di una porzione della crosta e del mantello terrestre che un tempo era sommersa dall’oceano. Questa sezione dell’antica crosta oceanica, ora situata in Albania, fu spinta sulla terra milioni di anni fa, formando una cintura rocciosa conosciuta come ofiolite.

Truche e il suo team hanno fatto la scoperta mentre esploravano la miniera di Bulqizë, situata a nord-est della capitale Tirana. Hanno osservato quantità significative di gas idrogeno fuoriuscire dalle rocce e gorgogliare attraverso pozze d’acqua all’interno della miniera, indicando la presenza di un sostanziale serbatoio di idrogeno.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, evidenzia il potenziale di tali serbatoi come fonte di carburante privo di carbonio. Tuttavia, l’estrazione dell’idrogeno dalle profondità sotterranee pone sfide significative a causa della mancanza di infrastrutture e della difficoltà intrinseca dell’estrazione.

“Abbiamo visto molte sorgenti iperalcaline ospitate nelle ofioliti in tutto il mondo dove l’idrogeno gorgoglia“, ha detto Truche nei commenti inviati via email alla rivista Live Science. “Ma ciò che abbiamo osservato nelle profondità della miniera è un’altra dimensione.”

Nonostante le promettenti implicazioni per la transizione energetica, sorgono problemi di sicurezza a causa della natura altamente infiammabile dell’idrogeno. Lo studio rileva che le elevate concentrazioni di idrogeno all’interno della miniera hanno portato a diverse esplosioni negli ultimi anni, richiedendo misure di sicurezza migliorate.