• Tempo di Lettura:2Minuti

Ankara, Turchia – Dopo l’attacco terroristico da parte del PKK che è culminato con la morte di 13 civili turchi, il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu ha rilasciato alcune pesanti dichiarazioni. Il membro del Partito della Giustizia e dello Sviluppo, capitanato dal capo di stato Erdogan, mostra tutta la sua interdizione durante un evento diplomatico.

“I paesi che affermano di combattere il terrorismo o stanno zitti di fronte a questo inutile massacro del PKK stanno insultando la Turchia con ‘se’ e ‘ma’. A differenza di tanti paesi non abbiamo mai agito con ipocrisia, troveremo i responsabili e pagheranno per le loro azioni”, conclude Cavusoglu. Il politico molto vicino a Recep Tayyp Erdogan ha parlato durante un incontro con l’omologo etiope Demeke Mekonnen. Turchia ed Etiopia hanno confermato la loro collaborazione nella lotta al terrorismo.

Ti consigliamo questo – Donald Trump complica i rapporti con lo Yemen, Houti nella lista nera

I fatti

Pochi giorni fa alcuni combattenti curdi, facenti parte del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), hanno ucciso 13 civili turchi. Durante circa 3 giorni di scontri, le forze turche hanno portato a termine le operazioni Claw-Tiger e Claw-Eagle – con attacchi da terra e da aria – che ha visto l’uccisione di 48 combattenti curdi e tre soldati turchi. Queste operazioni furono avviate dal capo di stato Erdogan per placare gli attacchi terroristici non solo di PKK, ma anche del KCK, Unione delle Comunità del Kurdistan.

Da anni il Kurdistan, una frazione di intramezzo tra Iraq e Turchia, conduce attacchi simili per la ribellione armata contro lo stato turco. La missione Claw-Eagle 2, avviata mercoledì scorso, era mirata a sedare i combattenti curdi nella regione dell’Iraq settentrionale del Gara.

Stati Uniti, Turchia e Unione Europea hanno inserito tempo fa il PKK nella lista nera delle organizzazioni terroristiche. La campagna terroristica del Partito dei Lavoratori del Kurdistan va avanti da 30 anni e ha portato la morte di circa 40.000 persone compreso donne e bambini.

FONTE: Al Jazeera, Anadolu Agency

Ti consigliamo questo – Blocco impianti da sci prorogato al 5 marzo: i danni sono drammatici

Segui anche PerSempreCalcio.it