• Tempo di Lettura:2Minuti

Come al solito, il mercato Nba non si ferma mai. Questa notte è arrivata la notizia di una trade che vede un bel ritorno di fiamma. La trade è stata fatta tra i Detroit Pistons e i New York Knicks. Detroit manda Derrick Rose a NY cambio di Dennis Smith Jr. e una scelta al secondo giro del prossimo Draft 2021. New York ritrova così un buon playmaker che può portare punti sia da titolare che dalla panchina, per provare così un assalto ai playoff. Analizziamo per bene questo tipo di trade…

Cosa guadagna Detroit

Resta chiaro come sempre l’obbiettivo dei Detroit Pistons: rifondare. Questo si era già capito da quando diedero via il loro grande talento Andre Drummond. Ora a guidare la squadra ci sono sia Jerami Grant che Blake Griffin, ma comunque le prestazioni non sono buone per i Pistons. Detroit secondo le statistiche è l’ultima squadra della lega col pessimo record di 5-18, nonostante le 5 vittorie siano arrivate contro squadre con record sopra al 50%. Giustamente hanno spedito Derrick Rose a NY, una squadra con maggiori aspettative e obbiettivi. In cambio ricevono un’ottima scelta al draft e Dennis Smith Jr, che non ha trovato spazio quest’anno. Quest’ultimo però negli ultimi anni ha dimostrato di essere un buon attaccante soprattutto per le doti atletiche. Che siano i Pistons la squadra del riscatto?

Cosa guadagna New York con Derrick Rose

New York si ritrova con un record di 11-13. Il che lascia quasi stupore dopo le ultime pessime annate. La squadra sembra finalmente aver trovato un equilibrio in attacco con le ottime prestazioni individuali. Spiccano di sicuro Julius Randle che viaggia 22.7 punti di media e Rj Barrett con 17.2 . Adesso arriva un altro portatore di punti come Derrick Rose che sta viaggiando a 14 punti di media. Rose ritorna dopo non una grande esperienza in quel di NY nel 2016 con 18 punti di media, ma pessime prestazioni. Non dimentichiamo che qui ritrova il suo coach Thibadeau, con il quale ha espresso il suo miglior basket. Ora arriva sicuramente più maturato sia mentalmente, cestisticamente che fisicamente soprattutto. Sta ora ai Knicks, migliorare partita dopo partita, in questa est molto equilibrata, dove finalmente potremmo vedere la grande mela di ritorno ai playoff.