• Tempo di Lettura:2Minuti

L’ala dei Warriors, Draymond Green, pluricampione e veterano Nba, grazie al rispetto guadagnato nella lega spesso dà voce a sfoghi per problemi di qualsiasi tipo. Nel postgame della partita di questa notte, Draymond ha evidenziato una problematica che molti giocatori da diversi anni affrontano spesso. Qual è questo problema? La tutela della lega nei confronti dei giocatori. Capita spesso che alcuni vengono scambiati a loro insaputa o magari hanno ricevuto sanzioni dalla lega per motivi insulsi. Draymond ha appunto parlato delle questioni trade gestite in modo diverso per James Harden e Andre Drummond. Tutto ciò si è scatenato proprio perchè i Cleveland Cavaliers hanno deciso di non far giocare Drummond finchè non trova una squadra a cui essere scambiato. Qui il video dell’intervista come mostra Sky Sport https://sport.sky.it/nba/2021/02/16/mercato-nba-draymond-green-polemica-video.

Le parole dei Draymond Green

Ecco le precise parole da parte di Draymond in conferenza:

Vedere Andre Drummond seduto a bordo campo prima della partita e poi in borghese perché la squadra lo vuole scambiare è una ca****a. Quando James Harden ha chiesto la trade e sostanzialmente ha mollato la situazione […] è stato criticato aspramente per aver detto di voler cambiare aria. Ora invece una squadra può uscirsene pubblicamente e dicendo: ‘Vogliamo scambiare tizio’ e l’atleta in questione deve andarsi a sedere. Se non mantiene un atteggiamento professionale, viene bollato come cancro, problema dello spogliatoio.”

Continua poi l’ex difensore dell’anno:

Abbiamo visto Harrison Barnes rispedito in panchina; DeMarcus Cousins ha scoperto di la trade durante un’intervista all’All-Star Game, e si continua a permettere che questo accada. Io sono stato multato perchè ho dato la mia opinione. […] Arrivati a un certo punto, come atleti dobbiamo essere trattati con lo stesso rispetto e avere gli stessi diritti delle squadre. Da giocatore appari come la peggior persona al mondo quando vuoi una situazione diversa, ma una squadra può dire che ti vuole scambiare. Il giocatore, di contro, deve restare in forma, mantenere uno standard professionale. E se non succede, la sua carriera è a rischio. La lega deve proteggere i giocatori da simili imbarazzi. Si continua a insistere su: ‘Non si può dire questo e quell’altro pubblicamente’ […] Se Kyrie Irving accenna al suo benessere mentale, psicologico, tutti impazziscono: credete che una cosa del genere non condizioni un giocatore dal punto di vista mentale? Sono stufo di vedere queste cose.”