• Tempo di Lettura:2Minuti

La società americana ExxonMobil ritiene che il governo degli Stati Uniti dovrebbe introdurre uno stato di emergenza nel Paese per stabilizzare i prezzi del carburante. Lo afferma la dichiarazione della compagnia, pubblicata mercoledì in risposta a una lettera del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in cui invitava le maggiori compagnie petrolifere del paese a presentare soluzioni per ridurre i prezzi del carburante.

“Nel breve termine, il governo degli Stati Uniti potrebbe adottare misure comunemente utilizzate in situazioni di emergenza, come l’abrogazione delle disposizioni del Jones Act, e a lungo termine, l’amministrazione dovrebbe incoraggiare gli investimenti nel settore attraverso politiche chiare e coerenti”, si legge nella nota.

ExxonMobil ha anche esortato le autorità ad assistere nello sviluppo delle risorse statunitensi e ha notato che conta sul sostegno dell’amministrazione per mantenere e affittare le infrastrutture necessarie, in particolare gli oleodotti.

Nella sua lettera, Biden ha esortato le maggiori compagnie petrolifere del paese ad aumentare la capacità e la produzione, oltre a presentare soluzioni per ridurre i prezzi del carburante. Secondo il Presidente degli Stati Uniti, gli attuali “profitti delle compagnie petrolifere, che sono significativamente superiori alla norma, sono inaccettabili”. Biden ha annunciato la sua disponibilità a “usare tutti i mezzi ragionevoli e appropriati del governo federale per aumentare la capacità e la produzione delle raffinerie di petrolio nel breve termine”.

Biden ha annunciato il 31 marzo che gli Stati Uniti avrebbero rilasciato 1 milione di barili di petrolio al giorno dalla sua riserva nazionale strategica per sei mesi al fine di ridurre i prezzi della benzina nel paese. Allo stesso tempo, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti utilizzerà i proventi della vendita di petrolio dalla sua riserva per acquistare energia e reintegrarla negli anni successivi.

L’aumento dei prezzi al dettaglio della benzina negli Stati Uniti è iniziato alla fine dell’inverno, i prezzi vengono aggiornati al rialzo per la quarta settimana consecutiva. Ciò sta accadendo sullo sfondo dell’aumento dei prezzi mondiali del petrolio, nonostante i tentativi della Casa Bianca di contrastare la tendenza. Durante un discorso alla Casa Bianca la scorsa settimana, Biden ha riconosciuto che è improbabile che l’amministrazione statunitense sia in grado di ridurre il costo della benzina e del cibo a breve termine nel paese. 

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it