Continua ancora la telenovela che vede coinvolti in questi giorni i fan nelle arene Nba e i giocatori. Dopo aver assistito a un fan che tira dei popcorn a Russell Westbrook (https://www.persemprenews.it/sport/basket/westbrook/), si sono susseguiti altri episodi. Un tifoso dei NY Knicks ad esempio durante Gara-2 ha tentato di sputare su Trae Young. Invece in quel di Utah, un altro ha involto insulti razzisti verso Ja Morant. Infine, ieri sera durante Gara-4 di Nets-Celtics, al termine della partita, un tifoso ha tentato di colpire Kyrie Irving con una bottiglietta.

Il tifoso è stato immediatamente identificato dalla security, arrestato e bandito dal TD Garden. Davvero non si spiega cosa stia succedendo nelle ultime ore in seguito agli eventi accaduti. Fortunatamente l’Nba sembra essere decisa ad avere il pugno di ferro contro questo tipo di eventi. Come chiedono i giocatori, essi devono essere tutelati e, come giusto che sia, tutti gli autori di questi spiacevoli eventi sono stati puniti serveramente.

Le opinioni contro il fan dei Celtics

Kevin Durant, dopo i suoi 47 punti è stato il primo a intervenire riguardi l’accaduto, ecco le sue parole:

 “I tifosi devono crescere a una certa. So che essere rimasti in casa per un anno e mezzo causa pandemia ha stressato molta gente, ma quando si viene alle partite biosgna capire che questi giocatori sono umani. Non siamo aninali al circo. Al palazzetto non sei solo tu tifoso. Abbi rispetto per il gioco, per le persone, per te stesso. Tua madre non sarebbe orgogliosa del fatto che lanci bottiglie ai giocatori, sputi nella loro direzione o rovesci popcorn sulla loro testa. Cresci ca**o e goditi la partita. È più grande di te.”

Ed ecco le parole del diretto interessato, Kyrie Irving:

“È un peccato che lo sport sia arrivato ad avere nuovamente queste situazioni che ricordano azioni e modi di vecchio stampo. Queste cose succedevano un tempo. È l’ennesima dimostrazione di come le persone là fuori si sentano autorizzate a fare qualsiasi cosa. Hanno pagato per avere un biglietto – benissimo! Sono entusiasta del fatto che siano qui per godersi lo spettacolo, ma non siamo certo a teatro. Non si possono lanciare pomodori o roba simile a chi sta performando davanti ai tuoi occhi. Si dice spesso “siamo umani, siamo umani”, ma questa è l’ennesima dimostrazione di come le persone là fuori si sentano autorizzate a fare qualsiasi cosa.