• Tempo di Lettura:1Minuto

Oggi i rappresentanti permanenti dei paesi dell’UE non sono riusciti a raggiungere un accordo sull’embargo sulle importazioni di petrolio russo, i negoziati proseguiranno domani 5 maggio. Lo riporta la Reuters. Durante la discussione, alcuni dei paesi membri della comunità, in particolare Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Bulgaria, hanno espresso preoccupazione per le misure proposte per eliminare gradualmente il petrolio dalla Russia. 

Così, la prima discussione sull’embargo petrolifero si è conclusa in assenza di un consenso tra le parti. Un accordo potrebbe essere raggiunto nella prossima riunione dei rappresentanti permanenti dell’Ue, prevista per giovedì.

La Commissione europea aveva annunciato un progetto di sesto round di sanzioni contro la Russia, che include un divieto posticipato all’esportazione di petrolio greggio e prodotti petroliferi nell’UE, che potrebbe entrare in vigore entro la fine dell’anno o all’inizio del prossimo anno. Secondo gli esperti, ciò porterà a un nuovo ciclo di aumento dei prezzi del petrolio e potrebbe potenzialmente comportare un aumento delle entrate petrolifere della Russia.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it