• Tempo di Lettura:2Minuti

Nikola Jokic è forse, anzi, sicuramente il giocatore più in forma del momento. A suon di ottime prestazioni il serbo dei Nuggets, sta facendo la voce grossa nella lega. Nella partita di ieri sera si è confermato per l’ennesima volta come almeno tra i top 3 centri della lega. Di sicuro non ci voleva la vittoria di ieri per stabilirlo. Il match di ieri vedeva impegnati i Denver Nuggets del serbo contro gli Utah Jazz reduci da ben 11 vittorie di fila. Nikola Jokic ha deciso di mettere fine alla partita già dal primo quarto segnando ben 33 punti. La partita è terminata 117-128 per Denver e Jokic ha terminato con 47 punti, 12 rimbalzi e 5 assist con il 65% al tiro. Accompagnato dai 18 di Barton e i 16 punti di Jamal Murray. A Utah non bastano i 29 punti di Bojan Bogdanovic causa anche la non buona serata al tiro di Mitchell con soli 13 punti. Jokic ha anche stabilito un record: lui e Bill Walton sono gli unici giocatori ad aver registrato una doppia doppia in 20 gare consecutive. ( Qui il video degli highlights di Jokic: https://www.youtube.com/watch?v=ZrVJETjbdG8)

Le parole di “The Joker”

Dopo la sua grande prestazione Nikola Jokci ha parlato ai microfoni, come al solito senza montarsi la testa: “Per fortuna io segno quando ne abbiamo bisogno.  Quella di oggi era solo una partita e la cosa più importante era vincerla.  Segnerò sempre lo stretto necessario per vincere le partite.” Ecco inoltre il simpatico siparietto del compagno Barton: “Gli ho detto, a un paio di minuti dal termine, di arrivare a 50.  Ma ormai lo conoscete, non è interessato a questo genere di cose.  Lui pensa solo a giocare a basket, a stare aggressivo, a essere quello che è.  Noi volevamo che il ragazzone ne segnasse 50 questa sera“. Che Nikola Jokic stia giocando da Mvp su questo non c’è nessun dubbio. Il concetto di Mvp per la lega è particolare, negli ultimi anni si è premiato chi a grandi medie affiancava un ottimo posizionamento in classifica. Questo è difficile per i Nuggets poichè ci sono davanti Clippers e Lakers che vanno molto forte oltre ai Jazz. Ma fondamentalmente, questo non importa Jokic. Il serbo vuole solo vincere un anello, che sia Mvp oppure no.