• Tempo di Lettura:2Minuti

Il Gruppo Skoda Auto ha raggiunto un fatturato record di 26,5 miliardi di euro nel 2023 (2022: 21,0 miliardi di euro; +26,2%). L’azienda ha aumentato significativamente il suo utile operativo del 182,3% rispetto all’anno precedente, raggiungendo 1,8 miliardi di euro (2022: 628 milioni di euro). La casa automobilistica boema ha anche migliorato il suo ritorno sulle vendite (RoS) al 6,7% (2022: 3%). A livello globale, lo scorso anno Škoda Auto ha consegnato 866.800 veicoli ai clienti (+18,5%). Con 81.700 unità vendute, Enyaq ha registrato la crescita percentuale più elevata tra tutti i modelli (+52,1%), rendendolo uno dei BEV più venduti in molti mercati europei. Con l’ingresso nei mercati vietnamita e kazako, la casa automobilistica boema ha continuato ad attuare la propria strategia di internazionalizzazione. Inoltre, Skoda sta attuando con determinazione i piani anche nei settori della digitalizzazione e dell’elettrificazione: l’azienda si impegna a investire miliardi di euro nella mobilità elettrica nei prossimi anni.

Questi investimenti strategici, insieme alla solida performance finanziaria dell’azienda, sono essenziali per garantire il suo successo a lungo termine in un settore automobilistico in rapida evoluzione. Nel 2023, Škoda Auto ha consegnato con successo 866.800 veicoli ai clienti, con un aumento del 18,5% rispetto all’anno precedente. Enyaq 100% elettrico ha registrato di gran lunga la crescita più alta tra tutti i modelli Škoda, pari al 52,1% su base annua. Dal punto di vista finanziario, Skoda Auto Group ha registrato un fatturato record di 26,5 miliardi di euro nel 2023 (2022: 21,0 miliardi di euro; +26,2%). L’azienda ha aumentato significativamente il suo utile operativo del 182,3% rispetto all’anno precedente, raggiungendo 1,8 miliardi di euro (2022: 628 milioni di euro). Anche il RoS è migliorato al 6,7% (2022: 3%). Skoda Auto ha raggiunto questi risultati in un contesto di mercato difficile, incertezze geopolitiche, aumento dei prezzi dei materiali e delle materie prime e calo del potere d’acquisto. La casa automobilistica utilizzerà queste solide basi per fare investimenti significativi nel suo futuro.