• Tempo di Lettura:1Minuto

La catena americana di caffè Starbucks ha deciso di lasciare il mercato russo. Starbucks ha preso la decisione di ritirarsi e di non essere più presente nel mercato russo”, si legge in un comunicato stampa pubblicato ieri sul sito web dell’azienda. La catena di caffetterie ha assicurato che continuerà a fornire supporto ai dipendenti in Russia, “incluso uno stipendio per sei mesi e assistenza” nella ricerca di un nuovo lavoro.

La società aveva annunciato l’8 marzo che avrebbe sospeso temporaneamente tutte le attività commerciali, inclusa la fornitura di prodotti, sul territorio della Federazione Russa in relazione agli eventi in Ucraina.

La prima caffetteria Starbucks è stata aperta a Mosca nel 2007. Al momento della cessazione del lavoro dell’azienda in Russia, erano più di 100 le caffetterie presenti sul territorio.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it