• Tempo di Lettura:1Minuto

di Antonio Napoletano

Sono 56 i morti e 600 i feriti, in 24 ore, in seguito agli scontri tra l’esercito regolare e le potenti milizie di supporto. Secondo quanto si apprende, in pratica, i paramilitari contendono il potere all’esercito. Gli scontri, al secondo giorno, continuano. Chiuso lo spazio aereo. Palazzo Chigi e Farnesina agli italiani: “Restate a casa”. Anche Papa Bergoglio ha parlato nel suo intervento in piazza San Pietro della guerra in corso in Sudan “seguo con preoccupazione quello che sta accadendo in questo Paese”, oltre che di quella in Ucraina dove si combatte ancora, si uccide ancora.