• Tempo di Lettura:2Minuti

Vienna, Austria – La variante Covid sudafricana crea ormai disagi in tutto il mondo. Dopo le dichiarazioni di Angela Merkel, dove la cancelliera tedesca ha annunciato nuove restrizioni per la paura di una nuova ondata incontrollabile, tocca all’Austria.

Sono iniziati stamattina i lavori di rafforzamento dei controlli per combattere una ulteriore ondata di contagi del nuovo virus mutato. 1,200 tra soldati e poliziotti austriaci, infatti, stanno monitorando con attenzione per limitare il transito turistico nel Tirolo. L’obiettivo è proprio quello di prevenire un intensificarsi dei contagi.

Ti consigliamo questo – Nuove restrizioni in Germania per la variante Covid, Merkel parla al Bundestag

Al momento il Tirolo registra più di 400 contagi della variante sudafricana di Covid-19. Molto più infettiva dello ‘standard’ Coronavirus. Attualmente il più grande focolaio dell’Unione Europea. Da questa mezzanotte sarà possibile lasciare il Tirolo solo dopo aver ricevuto esito negativo del tampone, per questo sono stati installati 44 check point per le strade, gli aeroporti e le stazioni ferroviarie.

Il portavoce della polizia di Innsbruck ha rassicurato che “al momento sono veramente poche le persone costrette a tornare indietro, vedendo negato il divieto di partire”. Molto dei check point sono stati equipaggiati con stazioni di tampone rapido per effettuarlo in modalità last-minute.

Le categorie esonerate da tale procedura sono i bambini, i conducenti dei mezzi di trasporto merce e i viaggiatori in transito.

FONTE: DPA International

Ti consigliamo questo – Variante Covid sudafricana, AstraZeneca non efficace, si passa a J&J

Segui anche PerSempreCalcio.it