• Tempo di Lettura:1Minuto

E’ andata a Casa Enrico Caruso la prima edizione del Premio San Giovanniello 2022. Per i promotori, “Asso è… la strada ci insegna”, è stato il modo ‘per ringraziare chi ha dato lustro al proprio quartiere e non ha mai smesso di portare la luce, anche nei momenti di difficoltà, Per aver coltivato da sempre l’amore per il luogo in cui vive’.

L’evento si è svolto a Napoli, in via Santi Giovanni e Paolo, ieri sera, venerdì 27 maggio, nella chiesa adiacente il Museo. Un luogo dove Enrico Caruso, l’indimenticato tenore napoletano, conosciuto in tutto il mondo, ha mosso i primi passi.

“La nostra intenzione – ha spiegato Luca Di Liddo, fondatore dell’associazione – è quella di dare un seguito a questa iniziativa. Non vogliamo fermarci alla prima edizione, che conferisce il riconoscimento a una realtà davvero presente sul territorio. Con gli anni vogliamo continuare a premiare chi è impegnato in modo concreto nel quartiere”.

Per l’occasione, la compagnia Arca’s ha portato in scena uno spettacolo con musica e vestiti dell’epoca in cui visse Caruso. Si sono esibiti: Arianna Pecoraro, Enzo Tammurriello Esposito, Maria Rosaria De Liquori e Sara Della Torre.