• Tempo di Lettura:3Minuti

Pessima partenza di Carlos Sainz che in partenza ha perso ben 5 posizioni scendo dal nono posto al 14 posto, mentre Hamilton ha recuperato allo start è riuscito a bruciare sia Perez della Red Bull e Norris della McLaren. Al terzo giro però prima grande sorpresa: il pilota della Ferrari, Sainz è stato costretto al ritiro a causa di un lungo e si è insabbiato. Per lui primo 0 punti dopo 25 gare di fila a punti con la scuderia di Maranello. Safety Car in pista per dare un aiuto ai commissari per rimuovere la vettura dello spagnolo. Alla ripartenza non ci sono stati sorpassi ma solo fase di studio, soprattutto tra Perez ed Hamilton. I due hanno duellato fino al 10 giro quando il messicano che ha superato dopo 3 giri dalla ripartenza il britannico per la terza posizione.

Foto Twitter account Formula 1

Nel primo stint undercut per Perez e per Verstappen per strappare secondi preziosi ai box. La strategia della Red Bull è stata perfetta: il campione del Mondo in carica infatti ha recuperato tre secondi su Leclerc battistrada. Altro duello bello tra Hamilton e Perez: il vice campione del mondo al 22esimo giro è stato sorpassato alla curva White dal corridore della Red Bull riprendendosi la posizione persa ai box. Al 24esimo giro altro incidente in questa gara: a muro è andato Sebastian Vettel dell’Aston Martin. Incidente senza nessun problema per il pilota che chiude malamente il fine settimana australiano.

Foto Twitter account Formula 1

Alla ripresa bel duello tra Leclerc e Verstappen col pilota della Red Bull che ha provato a strappare la prima posizione al Ferrarista senza però riuscirci. Ottima la strategia della Mercedes con Russell: il pilota britannico grazie alla Safaty Car è riuscito a salire fino alla terza posizione. Bene anche Alonso che ha recuperato diverse posizioni, ma in due giri a causa del decadimento delle gomme bianche (ben 31 giri) ha subito prima il sorpasso da Perez che da Hamilton. Al 39 giro altro colpo di scena: Max Verstappen a causa di un problema al motore è stato costretto al ritiro. Dopo il ritiro in Bahrein, per il pilota della Red Bull ha registrato il secondo ritiro stagionale.

Foto Twitter account Formula 1

L’ultima fase della gara non ha dato molti sussulti se non solo nelle retrovie. Molti errori registrati come quello di Schumacher della Haas, di Alonso dell’Alpine. Leclerc è riuscito a tenere il passo gara fino alla fine e ha tagliato per primo il traguardo davanti a Sergio Perez e George Russell. Per il britannico è il primo podio in carriera. Grand chelem per Leclerc: pole, giro veloce, vittoria e sempre in testa. Era dal 2010 che un pilota della Ferrari non realizzava una tale impresa. L’ultimo è stato Ferrando Alonso.

Ordine d’arrivo

1 Charles LECLERC Ferrari 1:27:46.548
2 Sergio PEREZ Red Bull +20.524
3 George RUSSELL Mercedes +25.593
4 Lewis HAMILTON Mercedes +28.543
5 Lando NORRIS McLaren +53.303 1
6 Daniel RICCIARDO McLaren +53.737
7 Esteban OCON Alpine +61.683
8 Valtteri BOTTAS Alfa Romeo +68.439
9 Pierre GASLY AlphaTauri +76.221
10 Alexander ALBON Williams +79.382
11 Guanyu ZHOU Alfa Romeo +81.695
12 Lance STROLL Aston Martin +88.598
13 Mick SCHUMACHER Haas F1 Team 1L
14 Kevin MAGNUSSEN Haas F1 Team 1L
15 Yuki TSUNODA AlphaTauri 1L
16 Nicholas LATIFI Williams 1L
17 Fernando ALONSO Alpine 1L