• Tempo di Lettura:5Minuti

Il Covid non ha fermato l’irrefrenabile voglia di sparare i consueti botti di Capodanno. Nella scorsa notte il lockdown e le misure di sicurezza non hanno frenato i tanti cittadini che desideravano festeggiare con i fuochi d’artificio l’avvento del nuovo anno 2021.

Potrebbe interessarti anche questo – Nubifragio a Napoli, Fratelli d’Italia: “Si chiariscano responsabilità”

Botti di Capodanno: gli interventi dei vigili in calo

Un dato relativamente rassicurante riguarda gli interventi dei vigili del fuoco: quest’anno “solo” 229 rispetto i 686 del Capodanno scorso.

I casi di soccorso dei vigili del fuoco per i botti di Capodanno nel 2021 sono così suddivisi:

  1. Lazio: 45 interventi (171 lo scorso anno)
  2. Campania: 40 interventi
  3. Puglia: 24 interventi
  4. Veneto: 19 interventi
  5. Lombardia: 18 interventi
  6. Sicilia: 17 interventi
  7. Liguria: 16 interventi

In totale sono 79 i feriti, nei paragrafi successivi i dati complessivi.

Potrebbe interessarti anche questo – Report annuale RSF sui giornalisti uccisi: analisi e ricerche

Un morto e 79 feriti

La notizia più grave arriva da Asti, dove un giovane di 13 anni è morto per un colpo di petardo esplosogli all’altezza dell’addome. È accaduto al campo nomadi di Via Guerra. I genitori del 13enne hanno inoltre causato una serie di danni all’interno del pronto soccorso e nel parcheggio poiché desideravano vedere il figlio. Il corpo del deceduto sarà sottoposto ad autopsia.

Su 79 feriti si contano 23 ricoverati, dato in netto calo rispetto allo scorso anno: 204 di cui 38 ricoverati. Rispetto al Capodanno scorso dove i ferimenti d’arma da fuoco ammontavano a 9 casi, nella scorsa notte se ne sono contati 13 con un solo caso di prognosi maggiore di 40 giorni.

8 i minorenni che hanno riportato lesioni, numero di gran lunga minore rispetto i 43 dell’anno scorso.

Potrebbe interessarti anche questo – Mattarella : “Vaccinarsi è un segno di responsabilità, un dovere”

Record storico della Campania

In Campania un dato rassicurante riguarda le vittime di Napoli e provincia. Nel 2021 solo 8 i casi di ferimenti da botti di Capodanno, tutti maggiorenni e nessuno in pericolo di vita: nel 2020 il dato era di 48 feriti nel napoletano.

Il ricovero più grave interessa una donna di Mugnano di Napoli che era in casa con l’anziana madre. Era in strada per depositare la spazzatura quando un oggetto di circa 17 mm ha colpito quest’ultima tra il naso e la fronte. I medici hanno constatato che si tratta di un pezzo proveniente da un botto. La donna subirà un intervento nelle prossime ore.

Un altro caso riguarda un 57enne che ha riportato lo sfacelo di una mano; l’uomo è ricoverato e sotto osservazione.

Potrebbe interessarti anche questo – La giustizia per Giulio Regeni, forse il più bel regalo del 2020

Gli altri dati

Altri casi degni di nota su tutta la superficie dello stivale qui elencati.

  • Nella provincia di Avellino un 16enne ha riportato ferimenti all’occhio destro e alla mano sinistra: causa, lo scoppio di un petardo;
  • A Cagliari un 12enne e un 29enne hanno perso la mano destra. Due feriti anche nel salernitano;
  •  6 casi a Catania: il più grave un uomo di 57 anni che è stato investito in pieno volto dallo scoppio di un botto. Il ferito potrebbe perdere un occhio;
  • Perdita di una mano anche a Licata (provincia di Agrigento), dove due uomini di 20 e 60 anni sono stati anch’essi vittime dei botti di Capodanno;
  • Matera: un uomo di 50 anni ha riportato ustioni al viso ed un 46enne ha perso tre dita mentre maneggiava un petardo;
  • Ad Altamura e Corato, in provincia di Bari, due feriti. Un minorenne ha subito l’amputazione del mignolo sinistro a causa di un petardo inesploso in strada ed un uomo ha subito l’amputazione della mano sinistra;
  • A Bolzano sono state amputate le dita ad un uomo a causa di un botto esploso nella propria abitazione;
  • Verona: prognosi di 20 giorni per un uomo che ha riportato ferite a coscia e mano sinistra;
  • A Lanciano, trauma della cornea dell’occhio destro per un uomo che ha provato a raccogliere un petardo inesploso da terra;
  • In provincia di Ragusa, invece, un ferito per lo scoppio di petardi nella sua auto.

Potrebbe interessarti anche questo – Speranza: “Nuove zone rosse dal 7 gennaio”

Il caso degli uccelli

Annualmente, si sa, si consiglia di tenere lontani gli animali dai botti di Capodanno. Questi subiscono traumi e una forte paura, dettata da una imminente sensazione di pericolo.

Un caso particolare, invece, riguarda degli uccelli trovati morti in strada a Roma. La causa di tutti i volatili deceduti sarebbe da rimandare ai fuochi.

Potrebbe interessarti anche questo – Contagi fra studenti: la scuola il 7 gennaio fa paura

Botti di Capodanno: i provvedimenti del governo

Sempre di più, ogni anno, il governo prova ad attuare restrizioni, sanzioni o sequestri alla vendita di botti illegali. Tanti i casi di sequestro quest’anno in Italia. Proprio nei giorni scorsi si è parlato tanto di possibili sanzioni salatissime che sono state anche attuate.

Il governo consiglia sempre di evitare di comperare fuochi non certificati ma soprattutto di evitare sottrarsi allo sparo di questi ultimi in strada o nella propria abitazione.

Potrebbe interessarti anche questo – Verde, Villa Comunale: riecco il giovane Fauno

Segui PerSempreCalcio.it