• Tempo di Lettura:2Minuti

Discriminatoria la chiusura di mercati rionali. Silenzio dal Sindaco. Con l’ordinanza n.7/2021 il Presidente della Regione Campania ha disposto la chiusura dei mercatini rionali. Ciò nonostante vendano beni di prima necessità. Un atto del tutto discriminatorio verso un comparto, quello mercatale, che vede altri operatori commerciali che hanno lo stesso codice ateco ancora in piena attività. Non si capisce come mai un negozio di vicinanza o un supermercato di grande superficie, dove gli assembramenti sono molto probabili, possono continuare a lavorare. Non così i negozi all’interno dei mercati rionali devono chiudere. I cittadini che si recano ai mercatini di quartiere, in genere sono quelli che fanno delle spese minime, mirate, che non hanno come muoversi per spostarsi,spesso persone anziane che non hanno nemmeno dimestichezza con la chiamata per la consegna a domicilio. Ora la demagogia di Palazzo Santa Lucia spieghi ai cittadini campani che senso abbia tenere aperti i supermercati e chiudere i mercatini. E già, perché i mercatini rionali hanno un’entrata e un’uscita con annesso l’area per i servizi igienici, praticamente un simil-supermercato. Ma l’ordinanza regionale i mercatini li ha chiusi tutti. Risultato: code lunghissime,ai supermercati e negozi di vicinanza. Grave obbligare l’utenza a file interminabili ai market, la Regione ci ripensi. Inoltre l’ ordinanza prevede l’apertura per i box mercatali che abbiano i servizi igienici privati. Come è noto a tutti tali istallazioni nella loro progettazione non prevedono servizi igienici singoli per ogni box,ma strutture accessibili all’utenza all’interno della medesima area del mercatino rionale. Per porre rimedio a tutto ciò chiediamo l’intervento dell’ amministrazione comunale, fino a ora inerme, per predisporre l’istallazione di bagni chimici in prossimità dei box commerciali. Restiamo sconcertatati dal silenzio assordante dell’effimero occupante di Palazzo San Giacomo, già in vacanza anticipata nella terra di Calabria, per preoccuparsi di un comparto fondamentale per la vita della città e per le casse comunali. Cosi gli esponenti del partito di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia , Alfredo Catapano, Enzo Schiavo, Roberto Della Ragione e il Rappresentante della Destra Sociale, Rosario Lopa,