• Tempo di Lettura:3Minuti

Milano, Italia – Erba, birre, olio e tanto altro: è questa la vasta scelta di JustMary, il negozio online che offre un servizio di delivery di cannabis legale. Sì, perché da quando l’Onu ha dichiarato la marijuana come droga non pesante, tante sono le aziende ed i negozi che hanno sfruttato la potenza terapeutica della cannabis light (entro lo 0,6% Thc) a proprio vantaggio.

Ti consigliamo questo – Movida, violano misure anti Covid: multati in 5

Cannabis light, la proposta di JustMary

Il primo delivery di prodotti ottenuti dalla cannabis legale (ergo senza effetti psicoattivi) aiuta i residenti della Milano zona rossa a rilassarsi senza infrangere la legge. Giusto nel dicembre scorso infatti, l’Onu ha eliminato la cannabis dalle sostanze dannose, dando così il via libera ad una vendita legale ed un’abolizione dei pregiudizi sul prodotto.

In una intervista al Corriere della Sera parla la dottoressa Grazia Manfredi, consigliera dell’Ordine dei Medici: “Non è un eccitante ma una sostanza calmante utilizzata anche nella terapia del dolore. Eppure lo scorso ottobre il ministero della Salute ha varato un decreto, poi sospeso, per inserirla negli stupefacenti”.

Anche se Google ha eliminato la vendita dal Play Store di app che favoriscono la vendita di sostanze stupefacenti, JustMary è rimasto attivo portando un forte incremento delle vendite nell’ultimo trimestre (del 300%). Queste le parole di Matteo Moretti, fondatore dell’azienda: “È un retaggio culturale più solido delle norme stesse. Nell’ultimo trimestre 2020 le vendite milanesi sono aumentate del 300%, forse anche spinte dal cashback di Stato a cui i clienti possono accedere pagando alla consegna con il Pos”, conclude l’imprenditore.

La sua azienda, mostra al CdS, ha prodotto un fatturato al 2020 pari a oltre 2 milioni di euro.

La legge però, non prevede il commercio per ‘uso umano’ di fiori, resine e oli, bensì è consentito un ‘uso tecnico’ del prodotto con tanto di etichetta a tutelare gli esercenti. L’azienda di Moretti, sponsor tra le altre di Hellas Verona, Sampdoria e Udinese, viene fornita da agricoltori principalmente locati in Lombardia, Emilia-Romagna e Toscana.

Ti consigliamo questo – Msf a von der Leyen: “Migranti dell’Isola di Lesbo in condizioni disumane”

Arriva anche Weedfly

Ma non manca una concorrenza, anche se sofferente a causa delle recenti normative, che prende il nome di Weedfly, startup fiorentina con sede nel capoluogo lombardo. Weedfly è un negozio online di alta qualità che consegna a domicilio cannabis light e derivati come cosmetici e integratori, purché siano Made in Italy. Un co-fondatore della startup, Fabrizio Ciaurro, commenta: “Abbiamo stretto numerosi accordi, crediamo molto in questo progetto. Ci crediamo ancor di più da quando l’Onu ha riconosciuto le reali proprietà terapeutiche della canapa. Il mercato legale, tra le altre cose, ha una enorme potenzialità di espansione a livello ecosostenibile”.

FONTE: Corriere della Sera, justmaty.fun, Repubblica

Ti consigliamo questo – CIO smentisce cancellazione Olimpiadi Tokyo

Segui anche PerSempreCalcio.it